La linfa vitale del motore

L’uso di un olio motore corretto è essenziale per garantire una lunga durata delle parti mobili presenti nell’auto. La maggior parte dei costruttori fissa speciali requisiti minimi di efficienza per gli oli motore. Nel libretto di istruzioni del veicolo vengono di norma specificati gli oli raccomandati.

oelstandmessung_920px.jpg

Usando ad esempio un olio antifrizione è possibile non solo ridurre l’attrito e l’usura nel motore e in molti altri punti del veicolo, ma anche aiutare la pompa dell’olio. Il tutto consente inoltre di risparmiare energia e di ridurre le emissioni di CO2. Anche se l’olio antifrizione è generalmente molto più caro degli oli motore tradizionali, alla lunga l’investimento viene ripagato.

L’olio motore deve essere cambiato periodicamente. A tal fine, le case costruttrici stabiliscono degli intervalli (nella maggior parte dei casi ogni 15’000 chilometri o una volta all’anno). Il vostro garagista sarà lieto di consigliarvi in merito. Anche se gli oli dell’ultima generazione, i cosiddetti oli «longlife», sono configurati per essere cambiati addirittura ogni 30’000 o 50’000 chilometri, molti motori meno recenti hanno bisogno di lubrificante fresco con maggiore frequenza. Intervalli più lunghi sono inoltre dannosi per gli additivi presenti nell’olio, perché con il passare del tempo perdono la loro efficacia e devono essere sostituiti.

I garagisti dell’UPSA consigliano inoltre di avere sempre a bordo una lattina di ricambio con l’olio giusto.


torna su