Sistemi di assistenza alla guida: l’auto che pensa e guida con noi

Le case costruttrici fanno molto per garantire la sicurezza dei passeggeri che si trovano all’interno dell’auto. Sistemi sempre più sofisticati si occupano della sicurezza passiva.

sicherheit_920px.jpg

Il fabbisogno di sicurezza sulle strade è una delle questioni principali per le nostre e i nostri connazionali. Dal momento che i sistemi di sicurezza possono essere decisivi per l’acquisto di una nuova auto, i costruttori fanno tutto il possibile per alleggerire e supportare il conducente durante la guida. E questo già da diverso tempo: il tutto è iniziato già negli anni ’70 con le cinture, che oggi sono solo uno dei tanti sistemi di sicurezza di cui sono dotate le auto.

Come le cintura di sicurezza, anche gli airbag fanno parte dei sistemi di sicurezza passivi. Dal giorno del loro lancio sul mercato sono stati costantemente perfezionati, tanto che oggi non proteggono più il conducente solo in caso di impatto frontale. Gli airbag laterali garantiscono più sicurezza in caso di impatto laterale, sia al conducente che agli altri passeggeri. Tramite airbag esterni e altre misure strutturali si tiene conto del possibile coinvolgimento nell’incidente di altri utenti della strada.


Nuovi materiali compositi: una sfida per i responsabili della sicurezza

Anche la cellula dell’abitacolo fornisce il suo contributo alla sicurezza passiva. Le strutture rigide avvolgono i passeggeri come in una gabbia. Per questioni di efficienza energetica vengono sempre più spesso preferiti materiali compositi nuovi e più leggeri, che rappresentano nuove sfide per gli ingegneri. Anche se più leggeri, i nuovi materiali devono rispondere alle severe norme di sicurezza.

Una migliore protezione dei passeggeri viene inoltre garantita dai numerosi sistemi di assistenza alla guida. ABS, misuratori automatici della distanza, moderni sistemi di illuminazione, ASR, sistemi di riconoscimento della segnaletica o della corsia di marcia, ESC, la funzione di chiamata di emergenza «eCall» o il sistema di frenata di emergenza City sono preziosi strumenti che assistono il conducente in situazioni estreme e che contribuiscono alla sicurezza. I sistemi di assistenza alla guida vengono costantemente perfezionati.


ABS

Il sistema antibloccaggio (ABS) evita che le ruote si blocchino durante la frenata, garantendo così che il veicolo rimanga controllabile. La centralina ABS misura i giri delle ruote e regola automaticamente la forza frenante.


ESC

Il controllo elettronico della stabilità (o ESC, acronimo dell’inglese Electronic Stability Control) misura diversi parametri come angolo di sterzata, giri delle ruote, accelerazione trasversale e riconosce un eventuale sbandamento dell’auto. Intervenendo su motore, freni e cambio, l’auto reagisce alla tendenza dell’auto di sbandare e può mantenerla in corsia frenando le singole ruote.


Regolazione automatica della distanza ACC

Tramite un sensore radar, l’auto misura la distanza dal veicolo precedente. Quando viene rilevata la minaccia di un imminente tamponamento, il sistema è in grado di frenare l’auto sino all’arresto.


Moderni sistemi di illuminazione

Il sistema Dynamic Light Assist funziona con l’aiuto di una telecamera montata in direzione di marcia che è in grado di spegnere automaticamente le luci abbaglianti quando rileva altri utenti della strada o pedoni, evitando così che vengano abbagliati. Nelle auto dotate di luce in curva dinamica, i fari girano insieme alle ruote in curva. La luce viene così proiettata sempre sul fondo stradale.


Sistema di riconoscimento della corsia di marcia

A partire da una velocità di 65 km/h, una speciale telecamera rileva la segnaletica orizzontale sulla strada. Il sistema interviene quando rileva un cambio involontario di carreggiata.


Funzione di chiamata di emergenza «eCall»

A partire dal 2015, tutte le auto nell’UE dovranno essere dotate della funzione eCall (acronimo dell’inglese Emergency Call). In caso di incidente viene automaticamente lanciato l’allarme e chiamati i soccorsi.


Sistema di frenata di emergenza City

Questo sistema, che si attiva automaticamente a velocità inferiori a 30 km/h, con una frenata automatica può contribuire a ridurre la gravità di un incidente e persino consentire di evitare l’impatto


torna su