I garagisti svizzeri in «missione mobilità»

19 settembre 2017 agvs-upsa.ch – Gli sviluppi dinamici della mobilità individuale saranno al centro della tradizionale «Giornata dei garagisti svizzeri» del 17 gennaio 2018 a Berna. Con oltre 600 partecipanti, si tratta del più grande e importante convegno specializzato del settore svizzero dell’automobile. Oltre ai numerosi relatori di spessore e agli illustri partecipanti delle tavole rotonde ci saranno anche Mario Illien e Norbert Haug.
 
Argomenti come guida autonoma, auto connesse in rete, car-sharing e introduzione graduale di sistemi di propulsione alternativi occupano quotidianamente le pagine dei giornali: in seguito alla digitalizzazione, le case costruttrici si stanno trasformando anche in fornitori di servizi di mobilità. In futuro l’auto farà parte di un «ecosistema» digitale all’interno del quale si svilupperanno numerosi servizi che ruotano intorno alla mobilità. Questi sviluppi non saranno privi di conseguenze per il settore svizzero dell’automobile, sia sulla vendita dei veicoli, sia sui tassi di utilizzazione dell’officina. E non saranno risparmiati neanche i settori della formazione e formazione continua.
 
Il ruolo del garagista: cosa cambia e cosa no
Ecco perché la prossima «Giornata dei garagisti svizzeri» del 17 gennaio 2018 presso la Kursaal di Berna si svolgerà all’insegna del motto «Missione mobilità. Il ruolo del garagista: cosa cambia e cosa no». «Abbiamo scelto questo tema perché per molti soci dell’UPSA il futuro della mobilità è ancora legato a numerosi punti interrogativi», dichiara il presidente centrale dell’UPSA Urs Wernli. I soci dell’UPSA si trovano in una realtà imprenditoriale già di per sé legata a molte sfide e devono inoltre prepararsi a un futuro di cui oggi ancora nessuno può dire esattamente come sarà.
 
Per puntare i riflettori sulle conseguenze di queste sfide, l’UPSA ha di nuovo invitato una serie di competenti relatori e illustri partecipanti delle tavole rotonde. Tra di essi, Marc Walder, promotore di digitalswitzerland e CEO della Ringier AG, Jean-Charles Herrenschmidt, presidente dell’associazione di categoria che riunisce le principali federazioni automotive europee (CECRA), Gerhard Schürmann, CEO della Emil Frey AG, il presidente del TCS Peter Goetschi e il professore della Scuola superiore di San Gallo (HSG) Andrea Back, i cui studenti hanno tracciato nel quadro di una ricerca le future possibilità del settore dell’automobile.

Dudenhöffer, Haug, Illien
In esclusiva per i partecipanti al convegno, il professor Ferdinand Dudenhöffer, profondo conoscitore del ramo dell’automobile, proverà a formulare una previsione per i prossimi anni. Un altro dei momenti clou sarà rappresentato dal tradizionale «Dîner des Garagistes» che chiuderà il programma del convegno Il moderatore Patrick Rohr si intratterrà con due leggende dell’automobilismo sportivo: l’ex responsabile per le attività sportive della Mercedes Norbert Haug e il «guru dei motori» svizzero Mario Illien.
 
All’evento sono attesi ancora una volta più di 600 partecipanti del settore svizzero dell’automobile, del mondo politico, economico, scientifico e sociale. La «Giornata dei garagisti svizzeri» si riconferma quindi il convegno specializzato di gran lunga più rilevante e importante del settore svizzero dell’automobile.
Feld für switchen des Galerietyps
Bildergalerie