Audi, BMW e Daimler mettono la freccia e svoltano verso il futuro

Audi, BMW e Daimler rilevano „Here“, la piattaforma di cartine e servizi di localizzazione di Nokia. Costo: circa tre miliardi di franchi. I costruttori di auto seminano così Google & Co.

„Here“ getta le fondamenta per la mobilità e i servizi di localizzazione di prossima generazione. Per l'industria automobilistica ciò rappresenta la base per nuovi sistemi di assistenza e persino per la guida completamente automatizzata - una prospettiva in cui le mappe digitali ad alta precisione si uniscono ai dati in tempo reale dei veicoli. Sulla base dei dati grezzi comuni, tutti i costruttori di auto potranno offrire ai loro rispettivi clienti servizi differenziati e specifici a seconda del marchio.

Il beneficio della „swarm intelligence“ per la comunità è enorme: essa consente infatti di segnalare pericoli in tempo reale, come la presenza il ghiaccio sulla strada, che possono essere ricavati da singole informazioni come l'intervento dell'ABS e la temperatura esterna. In futuro il guidatore potrà essere anche avvisato con maggiore precisione della formazione di code, riducendo così sensibilmente il rischio di scontri. Un po' alla volta, il sogno di guidare senza incidenti sta diventando realtà. In un secondo momento si potrebbe evincere dai dati la presenza di curve critiche per avvertire tempestivamente il guidatore o attivare i sistemi di assistenza. È persino ipotizzabile che le auto anticipino le fasi dei semafori, affinché possano muoversi per le strade cavalcando l'„onda verde“ con i consumi al minimo e la potenza del motore adattata.

L'essenziale per la guida automatizzata e per molte altre forme di sistemi di assistenza sono le mappe ad alta precisione. Perché possano reagire prontamente, queste tecnologie hanno infatti bisogno di una rilevazione aggiornata e precisa fino al centimetro dell'ambiente in cui si muove il veicolo. „Here“ produce oggi mappe statiche ad alta precisione, che un giorno potranno però essere verificate con esattezza e aggiornate grazie al flusso continuo di dati sul contesto dell'auto.

Con l'acquisto di „Here“ si è perseguito l'obiettivo di mettere i prodotti a disposizione di tutti i clienti dell'industria automobilistica nonché di altri rami e servizi. „Here“ opererà come piattaforma di mappe su cloud e servizi di mobilità aperta, indipendente e che crei valore. I tre costruttori si sono spartiti „Here“ in parti uguali; nessuno mira ad avere la maggioranza. Se le autorità anti-trust approveranno l'acquisto, la transazione si concluderà nel primo trimestre 2016. Il prezzo d'acquisto indicato da Nokia è di 2,8 miliardi di Euro.


 
Feld für switchen des Galerietyps
Bildergalerie