Mercato svizzero dell'auto 3° trimestre 2016: Meno nuovo, più usato

20 ottobre 2016 agvs-upsa.ch – Gli analisti di Eurotax e dell'UPSA hanno esaminato i primi nove mesi del 2016. Conclusione: si sono registrate meno immatricolazioni, ma in compenso sono aumentati i passaggi di proprietà.

Per il mercato delle auto nuove in Svizzera e nel Principato del Liechtenstein, il terzo trimestre, nonostante le aspettative, è iniziato sottotono (luglio: -13,7%; agosto: -6,4%). In settembre, per la prima volta da febbraio, le vendite sono tornate in positivo (+8,3%), il che ha ridotto la flessione da inizio anno al 3,1%. Da gennaio a settembre sono state vendute complessivamente 232'183 auto nuove (-7410 unità). Gli analisti di mercato di Eurotax Svizzera aumentano pertanto la loro stima per l'intero anno a 315'000 nuove immatricolazioni, il che significherebbe un leggero calo del 2,5% rispetto all'anno precedente.

Anche il mercato delle vetture usate ha chiuso leggermente in negativo il terzo trimestre di vendita. Tuttavia, grazie ai buoni risultati nel primo semestre, la statistica su nove mesi rivela un incremento del 2,1%. Complessivamente hanno cambiato proprietario 652'062 veicoli (+13'633 auto). Per la fine dell'anno, in presenza di tempi di fermo costantemente elevati (attualmente: 99 giorni, +4,2%), Eurotax si aspetta un ulteriore leggero rallentamento ad un totale di 875'000 passaggi di proprietà (+1,5%).

Condizioni quadro instabili sul piano politico ed economico influiscono negativamente sulla crescita economica.

Le previsioni economiche sono dunque difficili poiché i rischi non diminuiscono né in termini di entità né per complessità. Basti citare, ad esempio, la prossima attuazione dell'iniziativa contro l'immigrazione di massa, la costante carenza di personale specializzato e il contemporaneo aumento del tasso di disoccupazione, l'increscioso problema del cambio, gli interventi di politica economica condotti senza buon senso o anche lo scarso dinamismo delle economie nazionali importanti per la Svizzera.

Pertanto è positivo che da inizio anno abbiano registrato uno sviluppo notevolmente migliore del previsto l'economia delle esportazioni e i consumi privati. BAK Basel dunque aumenta considerevolmente le previsioni del PIL svizzero per il 2016 all'1,6% (finora: +1,0%) e all'1,7% per il 2017. Assieme ai bassi tassi d'interesse fino a data da destinarsi, questo continuerà ad avere conseguenze positive anche per l'acquisto e il leasing di autovetture nuove ed usate.

Urs Wernli, presidente centrale dell'Unione professionale svizzera dell'automobile (UPSA), si aspetta per il resto dell'anno un andamento economico stabile: «La congiuntura rimane comunque soggetta a battute d'arresto, il che compromette indirettamente sempre anche lo sviluppo del settore automobilistico svizzero. Da anni i nostri membri fronteggiano difficili condizioni quadro e possono affermarsi nell'incessante lotta per la sopravvivenza solo grazie a una consulenza di massima qualità e a servizi eccellenti».

Feld für switchen des Galerietyps
Bildergalerie