Un aiuto importante nella scelta professionale

Un progetto sostenuto dall'Unione svizzera delle arti e dei mestieri (USAM) e dalla Conferenza svizzera dei direttori cantonali della pubblica educazione (CDPE) ha dato vita a un nuovo strumento per l'orientamento. I profili dei requisiti dimostrano quanto il mondo del lavoro ritenga importante che chi intende intraprendere un tirocinio di una specifica professionale possieda determinate conoscenze scolastiche. I profili dei requisiti aiutano i giovani, i genitori, le scuole e i servizi di orientamento professionale a congiungere i futuri apprendisti e le professioni a loro più adatte.

agvs2014_kreuzgarage_willisau_920px.jpg

Con i profili dei requisiti (www.anforderungsprofile.ch) è a disposizione per la prima volta una rappresentazione dei requisiti scolastici sistematica ed estesa a (quasi) tutti i mestieri. «La scelta professionale deve basarsi su una valutazione realistica. I giovani e il loro ambiente devono potere giudicare quali presupposti sono richiesti nelle varie professioni e quali competenze essi devono possedere», così Hans-Ulrich Bigler, Presidente USAM, sintetizza il valore aggiunto offerto dai profili dei requisiti. «Solo se riusciremo a instradare i giovani talenti alle professioni più adatte a loro si ridurrà il numero di chi interrompe il tirocinio e riusciremo a formare più personale specializzato qualificato.» Un fatto centrale è che i requisiti non sono stati formulati a tavolino ma provengono dalle aziende e dai rami interessati.

I profili dei requisiti servono a confrontare le formazioni professionali di base. Quali competenze sono importanti per una determinata formazione secondo il mondo del lavoro? Come vengono sfruttate nelle varie professioni? E quanto contano, ad esempio, le capacità motorie e le competenze sociali? «Cerchiamo di trovare un linguaggio comune alla scuola e all'economia quando parliamo di un raccordo tra scuola dell'obbligo e formazione professionale. E con questo progetto abbiamo compiuto un passo importante in questo senso», commenta Christoph Eymann, Consigliere di stato di Basilea e Presidente CDPE. Nel progetto successivo il CDPE intende collegare i profili con i vari obiettivi e le descrizioni delle competenze formulati nei piani di insegnamento.

A breve l'UPSA integrerà i profili nella sua pagina autoberufe.ch.

torna su

Feld für switchen des Galerietyps
Bildergalerie