Una giornata dedicata ai collaboratori

20 settembre 2017 upsa-agvs.ch - Domenica, 17 settembre, ore 21: dopo tre giorni intensi a Niederbipp (BE) si chiude il sipario sullo Swiss Automotive Show. Tuttavia, le 72 ore dedicate all’indotto del settore dell’automobile hanno più che ripagato l’organizzatore.  

tki. Swiss Automotive Group (SAG) ha organizzato una microfiera specialistica per l’indotto nazionale e internazionale - e il feedback degli oltre 70 espositori ha confermato la sua intuizione: «La fiera risponde senza dubbio a un’esigenza», afferma soddisfatto Sébastien Moix, responsabile del marketing di SAG.
 
Visite di 5–6 ore
Anche il fatto che i visitatori accorsi venerdì e sabato abbiano passato in media dalle cinque alle sei ore al SAS dimostra che l’organizzatore ha colpito nel segno. «Venerdì abbiamo registrato due ondate di ospiti: la prima ci ha travolti alle 10, al momento dell’apertura. Il pomeriggio è stato un po’ più tranquillo ma poi, dopo le 17, l’evento si è rianimato - e sabato non è andata diversamente», riepiloga Moix.
 
Tanti ospiti dalla Romandia
Lo sforzo è stato colossale per i 120 collaboratori di SAS addetti alla logistica, all’assistenza agli espositori e per gli interpreti chiamati per seguire i tanti visitatori accorsi dalla Romandia. «Ci riempi di gioia constatare l’interesse anche di questa regione», sottolinea il responsabile del marketing: «Ciò conferma i riscontri positivi di diversi garagisti che ci hanno detto che il SAS per loro è persino più interessante del Salone dell’automobile di Ginevra.»
 
Un’occasione di scambio per i collaboratori
Domenica l’evento si è concentrato sui collaboratori. All’invito hanno risposto circa 1100 ospiti, tra cui 200 bambini, intenzionati a informarsi sulle sfide del prossimo futuro e sui prodotti innovativi presso gli stand dei fornitori. Moix spiega: «L’obiettivo è consentire ai nostri collaboratori e ai gestori delle filiali di discutere di eventuali problemi direttamente con i fornitori, di conoscere meglio ciò che il mercato offre e scoprire le novità.»
 
«Senza i collaboratori le aziende non sono nulla»
Il SAS si intende dunque come un’importante occasione di scambio - lo hanno sottolineato i responsabili dell’evento in un breve discorso, tenuto da un palco di Europallet. «Questi tre giorni sono stati un manifesto», afferma Joel Souchon, COO Switzerland & Belgium, che si è particolarmente rallegrato delle visite e dei feedback di collaboratori, clienti, fornitori e azionisti. «Se non credessimo in SAG e nel futuro di questa azienda svizzera su un mercato internazionale fortemente conteso non saremmo qui oggi a festeggiare tutti insieme nel nostro nuovo deposito.»
 
Il presidente del CdA Olivier Métraux aggiunge: «Senza l’impegno e la fedeltà dei nostri collaboratori il Gruppo non sarebbe nulla. E grazie all’evento odierno finalmente si sono conosciuti personalmente e non per mail o telefono.»
 
La logistica fieristica come sport agonistico
Poiché i contatti personali sono importanti per la direzione aziendale, i vertici hanno salutato uno per uno gli espositori agli stand e scambiato quattro chiacchiere con loro. «Non dobbiamo dimenticare lo sforzo alla base di questo evento», così il CEO Sandro Piffaretti ha ringraziato gli incaricati della logistica di SAG e il comitato organizzativo: «Organizzare una fiera in un deposito del genere è come operare al cuore qualcuno che sta correndo i 100 m in velocità.»



CEO Sandro Piffaretti, Joel Souchon, COO Switzerland & Belgium, Olivier Métraux, presidente del CdA. 
Feld für switchen des Galerietyps
Bildergalerie