Un'altra proroga per Saab

Secondo quanto afferma la «Frankfurter Allgemeinen Zeitung», il consorzio di gestione cinese National Electric Vehicle Sweden (Nevs) del gruppo automobilistico svedese Saab ha ottenuto una nuova proroga. Mercoledì un tribunale a Vänersborg in Svezia ha concesso al consorzio Nevs (National Electric Vehicle Sweden) di continuare con la riorganizzazione fino al 29 novembre. Mercoledì 8 ottobre, Nevs ha presentato il programma di risanamento per Saab, secondo cui Saab è in trattative per la collaborazione con altri due produttori automobilistici o, in alternativa, ha intenzione di accettare incarichi per altri costruttori di autoveicoli. Secondo il «Göteborgs Posten», Nevs si è indebitata con i subfornitori per circa 55 milioni di euro. Da maggio la produzione di autovetture a Trollhättan è ferma. A settembre Saab ha licenziato 200 dei 550 collaboratori residui a causa dello stop di produzione.