Sì alla RI imprese III

27 gennaio 2017 agvs-upsa.ch - Oggi la Svizzera è una delle economie più innovative, competitive e di successo al mondo. Anche il settore dell’auto beneficia di questa leadership. La Riforma III dell’imposizione delle imprese crea i presupposti per preservare questa posizione prominente.

pd. La Riforma III dell'imposizione delle imprese (RI imprese III) è determinante per una Svizzera forte. Oggi i capitali e dunque anche le aziende sono estremamente mobili. Soltanto i Paesi ben posizionati nel contesto della concorrenza internazionale possono attrarre le aziende e creare posti di lavoro. Negli ultimi anni, la Svizzera è risultata molto competitiva. Il mix di forza lavoro ottimamente formata, stabilità politica e sistema fiscale vantaggioso favorisce la prosperità economica che molti ci invidiano.

Un No porrebbe la Svizzera in una difficile situazione
La pressione internazionale esercitata dall’OCSE e dall’UE ci costringe a modificare il nostro sistema fiscale. I balivi fiscali stranieri non tollerano che la Svizzera avvantaggi fiscalmente le società internazionali. Il nostro Paese deve dunque modificare le sue regole: il No cambierebbe unicamente le circostanze concomitanti e porrebbe la Svizzera in una situazione scomoda a livello internazionale ma anche nei confronti delle aziende che fanno affidamento sulla certezza del diritto.
 
Sono in gioco 200’000 posti di lavoro e miliardi di imposte
Molte di queste società holding sono estremamente mobili e se la riforma fosse respinta potrebbero abbandonare la Svizzera in breve tempo per insediarsi in altri Paesi dove le condizioni sono più vantaggiose. Uno studio dell’istituto di ricerche economiche BAKBasel ha stimato che il No alla RI imprese III metterebbe a rischio entro breve tempo quasi 200’000 posti di lavoro, inoltre verrebbero meno i contributi alle assicurazioni sociali per circa 5 miliardi di franchi l'anno e le imposte sul reddito per quasi 2,7 miliardi di franchi l’anno.
 
La RI imprese III è un pacchetto completo equilibrato. Le imposte per le aziende straniere aumenteranno leggermente mentre diminuiranno per tutte le altre imprese. Ma soprattutto, l’imposizione sarà uguale per tutte le aziende in Svizzera, dai grandi gruppi mondiali alle PMI. È una soluzione equa per tutti ed è vantaggiosa per il settore dell’auto che vedrà diminuire la pressione fiscale.
 
Ogni voto conta!
Un No alla RI imprese III sarebbe politicamente ed economicamente rischioso. Se vogliamo garantire i posti di lavoro e la prosperità economica del nostro Paese, allora il 12 febbraio può esserci una sola risposta: SÌ alla RI imprese III! Si vota tra tre settimane. Mobilitate i vostri collaboratori, clienti, amici e familiari! Ogni voto conta!
 



 
Feld für switchen des Galerietyps
Bildergalerie