Manutenzione dei gas di scarico dal 10 gennaio 2013: quando sussiste l’obbligo della manutenzione dei gas di scarico e quando vi si può rinunciare?

Il costante inasprimento delle norme sui gas di scarico sottolinea l’importanza dell’argomento a livello politico e sociale. In questo contesto, il controllo delle emissioni dei gas di scarico assume un’importante funzione di sensibilizzazione ambientale nei confronti delle automobiliste e degli automobilisti.

abgasanlage_920px.jpg

Ciononostante, il Consiglio Federale ha deciso alla fine del 2012 che per i veicoli dell’ultima generazione dotati di diagnosi on-board (OBD) non era più necessaria la manutenzione dei gas di scarico. La decisione è stata motivata con la maggiore affidabilità dei veicoli moderni e della diagnosi OBD di cui sono dotati.


Il nuovo obbligo di manutenzione dei gas di scarico vale anche per il Liechtenstein?

Nel Liechtenstein vale dal 1o febbraio 2013 lo stesso regolamento concernente la manutenzione dei gas di scarico in vigore in Svizzera.


Nessun obbligo di manutenzione dei gas di scarico per i seguenti veicoli

Come accadeva già prima, la manutenzione dei gas di scarico non è obbligatoria per i seguenti veicoli a motore:

  • Veicoli con motore ad accensione comandata e aventi una velocità massima per la loro costruzione inferiore ai 50 km/h così come veicoli a motore pesanti con motore ad accensione comandata;
  • Carri di lavoro agricoli;
  • Veicoli a motore con prima immatricolazione antecedente il 1o gennaio 1976;
  • Veicoli di proprietà di persone che godono di privilegi diplomatici o consolari.

Per i seguenti veicoli a motore, dal 1o gennaio 2013 la valutazione sull’obbligo della manutenzione dei gas di scarico avviene sulla base delle informazioni contenute nella licenza di circolazione:

  • Veicoli leggeri e veicoli utilitari leggeri con peso totale sino a 3,5 tonnellate e motore a benzina o a gas:
    nessuna manutenzione obbligatoria dei gas di scarico se i veicoli rispondono almeno alla norma sui gas di scarico Euro 3. La valutazione esatta avviene sulla base del codice emissioni indicato nella licenza di circolazione nel campo 72. Per i codici B03, B04, B5a, B5b, B6a, B6b, B6c, A04, A05 o A07 non è necessaria alcuna manutenzione dei gas di scarico.
  • Veicoli leggeri e veicoli utilitari leggeri con peso totale sino a 3,5 tonnellate e motore diesel:
    nessuna manutenzione obbligatoria dei gas di scarico se i veicoli rispondono almeno alla norma sui gas di scarico Euro 4. La valutazione esatta avviene sulla base del codice emissioni indicato nella licenza di circolazione nel campo 72. Per i codici B04, B5a, B5b, B6a, B6b, B6c, A04, A05 o A07 non è necessaria alcuna manutenzione dei gas di scarico.
  • Veicoli a motore pesanti con peso totale di oltre 3,5 tonnellate e motore diesel:
    nessuna manutenzione obbligatoria dei gas di scarico se i veicoli rispondono almeno alla norma sui gas di scarico Euro IV e se sono stati immatricolati per la prima volta dopo il 30.9.2006. La valutazione esatta avviene sulla base del codice emissioni indicato nella licenza di circolazione nel campo 72. Per i codici E04, E05, E06, A13, A14, A15, A16, A17, A18, A19 o A26 e in caso di prima immatricolazione dopo il 30.9.2006 non è necessaria una manutenzione dei gas di scarico.

    Nota: la sola presenza di un sistema OBD non significa che il veicolo sia automaticamente esentato dall’obbligo della manutenzione dei gas di scarico. Determinanti sono le condizioni specificate sopra.
     

Cosa è cambiato per i proprietari dal 1o gennaio 2013

Se un veicolo soddisfa le condizioni specificate sopra, non è più assoggettato alla manutenzione obbligatoria dei gas di scarico. Il controllo del corretto funzionamento del sistema antinquinamento viene in questo caso assunto dal sistema di diagnosi on-board (OBD) che dovrebbe segnalare la presenza di un guasto tramite l’accensione della spia OBD gialla nel cruscotto. In futuro i proprietari di un simile veicolo dovranno intervenire solo quando si illumina questa spia e quindi non dovranno più recarsi periodicamente in officina per un controllo del sistema antinquinamento. Il proprietario del veicolo deve garantire l’eliminazione del difetto entro un mese dall’accensione di questa spia.

Per fare in modo che proprio i veicoli meno recenti e quelli con un alto chilometraggio continuino a viaggiare in modo sicuro ed ecologico, si consiglia di continuare a prestare particolare attenzione ai componenti del sistema antinquinamento nel quadro della manutenzione ordinaria. Ciò permetterà non per ultimo di consumare meno carburante e di evitare la riparazione di costosi danni indiretti.


Cosa ne sarà del documento di manutenzione del sistema antinquinamento?

I veicoli che dal 1o gennaio 2013 sono esonerati dall’obbligo della manutenzione dei gas di scarico non hanno neanche più bisogno di un documento di manutenzione del sistema antinquinamento. Ciò vale per i veicoli nuovi e retroattivamente anche per quelli già immatricolati che non sono più obbligati a fare la manutenzione dei gas di scarico.

Soci UPSA: cliccate qui per maggiori informazioni. Si prega di effettuare il login qui.