Il fascino dell’automobile rimane inalterato

Sondaggio tra gli apprendisti

Il fascino dell’automobile rimane inalterato

10 settembre 2021 professioneauto.ch – Lo stage di orientamento rimane il criterio più importante per i giovani che svolgono un tirocinio nel settore automobilistico. Inoltre, chi riesce a distinguersi con un buon clima aziendale, ha dei vantaggi nella ricerca di nuove leve adatte. 

Sondaggio tra gli apprendisti al termine del tirocinio 2021
Con il codice QR riportato di seguito trovate i risultati del sondaggio tra gli apprendisti al termine del tirocinio 2021. Olivier Maeder consiglia ai responsabili della formazione nelle sezioni UPSA e nelle aziende di filtrare i risultati secondo criteri individuali, come Cantone e professione. «L’analisi dei risultati del sondaggio costituisce la base per eventuali misure volte ad aumentare ulteriormente la soddisfazione degli apprendisti in merito al loro tirocinio.»

Sfruttate il diario dello stage di orientamento!
Il sondaggio tra gli apprendisti al termine del tirocinio 2021 dimostra la grande importanza degli stage di orientamento per la scelta della professione. Di conseguenza, una forte ponderazione degli stage di orientamento è una caratteristica importante per il successo dell’azienda di tirocinio. L’UPSA supporta i propri soci in questo ambito con diversi ausili. Oltre alla «Guida allo stage di orientamento», l’elemento centrale è il diario dello stage di orientamento. Esso offre una visione d’insieme del programma dei cinque giorni di stage e prevede quattro piccoli lavori imperniati sull’auto da svolgere a casa. 

sco. Questi sono due risultati del sondaggio tra gli apprendisti al termine del tirocinio 2021. Più di 1000 giovani meccatronici, meccanici e assistenti di manutenzione per automobili hanno partecipato al sondaggio, che fornisce ancora una volta un quadro interessante e utile per le aziende formatrici sulla motivazione, le aspettative e le prospettive dei giovani professionisti. Per il 72,1% dei partecipanti, lo stage di orientamento è stato il fattore più importante per la scelta della professione. Anche nell’epoca della digitalizzazione, l’impressione personale in loco rimane quindi decisiva. Degno di nota: per circa il 20%, anche i colloqui con i genitori e gli amici sono stati fattori importanti. 

Una volta che gli apprendisti di prova si trovano in officina, il clima aziendale è decisivo. Per il 95% dei partecipanti al sondaggio il clima è «molto importante» (77,5%) o «piuttosto importante» (17,8%). Altri criteri citati spesso sono la vicinanza al luogo di domicilio e la sicurezza sul lavoro. Mentre la vicinanza del luogo di residenza non può essere influenzata dal potenziale maestro di tirocinio, in termini di clima aziendale e sicurezza sul lavoro ha la possibilità di ottenere punti tra i soggetti in cerca di un posto di tirocinio.

I 1047 partecipanti si sono suddivisi come segue nelle diverse formazioni tecniche di base:
  • 22,7% meccatronico/a d’automobili (autovetture) 
  • 5,6% meccatronico/a d’automobili (veicoli commerciali)
  • 56,0% meccanico/a di manutenzione per automobili (autovetture)
  • 6,1% meccanico/a di manutenzione per automobili (veicoli commerciali)
  • 9,5% assistente di manutenzione per automobili
La quota di donne tra i partecipanti al sondaggio è pari al 5,4%, il che corrisponde all’incirca alla media degli apprendistati nelle professioni tecniche.

Olivier Maeder, responsabile della formazione nella direzione dell’UPSA, riserva una particolare attenzione ai risultati del sondaggio tra i meccanici di manutenzione per automobili che hanno concluso la procedura di qualificazione 2021 per la prima volta in base alla nuova Ordinanza sulla formazione. 650 nuovi meccanici di manutenzione per automobili hanno partecipato al sondaggio, mostrando un quadro positivo: alla domanda se il profilo professionale trasmesso prima dell’inizio dell’apprendistato corrisponda o meno alla realtà, il 43,1% ha risposto affermativamente senza riserve. Per il 46,9% la formazione di base corrisponde «nel complesso» alle aspettative.

Altrettanto positivo è il fatto che oltre il 25% dei meccanici di manutenzione per automobili intervistati intenda completare la formazione supplementare di due anni come meccatronico/a d’automobili. Maeder afferma: «La permeabilità del nostro sistema con assistenti, meccanici di manutenzione per automobili e meccatronici contribuisce in misura determinante a mantenere ai livelli odierni il numero dei meccatronici automobilistici formati.»

Questo sarà necessario anche nei prossimi anni. Il sondaggio mostra infatti anche che i giovani professionisti sono solo parzialmente soddisfatti delle opportunità di guadagno offerte dal settore. Alla domanda sul motivo per cui non continuiamo a lavorare nella professione appresa ha risposto un buon quarto dei partecipanti. Il 48,9% ha indicato gli incentivi finanziari insufficienti come possibili motivi per passare a un altro settore. È stato menzionato anche il fatto che il lavoro non corrisponde più alle proprie aspettative (31,8%) oppure l’eccessivo sforzo fisico (22,6%).

Circa 2700 giovani iniziano ogni anno una formazione tecnica di base nel settore automobilistico. L’UPSA e le sue sezioni si impegnano a fondo per mantenere stabile questo numero. Beneficiano del fatto che, 125 anni dopo l’invenzione da parte di Carl Benz, l’automobile è ancora in uso. Più di tre quarti di tutti i partecipanti al sondaggio hanno indicato «il fascino dell’automobile» (75,4%) come particolare motivo di apprezzamento della professione. Quasi la metà degli intervistati apprezza la varietà della professione (46,9%) e l’ampia formazione tecnica (45,6%). Per questa domanda erano possibili risposte multiple.

Questi criteri positivi fanno sì che l’85% di tutti gli apprendisti intervistati sia contento di aver svolto questa formazione e la raccomanderebbe. Olivier Maeder è molto felice di questo voto: «Questo risultato è molto importante. In fin dei conti, gli apprendisti sono gli ambasciatori più importanti per entusiasmare gli scolari verso il mestiere automobilistico». 
 
Concorso
I vincitori del concorso tra tutti i partecipanti sono:
Shannon Anneler, 3629 Oppligen, meccatronica di automobili 
Michael Godel, 1673 Promasens, meccanico di manutenzione per automobili
Filippo Serra, 8645 Jona, assistente di manutenzione per automobili

Qual è il fattore più importante nella vostra azienda per garantire un buon clima aziendale?

Secondo il sondaggio fra i giovani che hanno concluso l’apprendistato nel 2021, per il 95% degli apprendisti il clima aziendale è «molto importante» (77,5%) o «piuttosto importante» (17,8%). Qual è il fattore più importante nella vostra azienda per garantire un buon clima aziendale?
Comunicazione aperta
50%
Comportamento collegiale all’interno del team
33%
Bonus
0%
Eventi per il team
17%
Altro
0%
Feld für switchen des Galerietyps
Bildergalerie

Aggiungi commento

9 + 0 =
Risolvere questo semplice problema matematico e inserire il risultato. Ad esempio per 1+3, inserire 4.

Commenti