La rivoluzione della mobilità offre nuovi ambiti di attività per le officine

24 luglio agvs-upsa.ch – L’avvento delle tecnologie di propulsione alternative nei garage non deve essere considerato una minaccia per gli affari. Olaf Henning, Aftermarket Manager presso il fornitore Mahle, ha spiegato in un webcast perché e in quali aree si stanno aprendo nuove opportunità con questa rivoluzione.

20200723_mobilitaetswandel_text1_0.jpg
Fonte: Mahle

cst. In considerazione degli sviluppi dell’industria automobilistica, molti garagisti sono preda dell’incertezza. Quali tecnologie stanno diventando parte integrante dell’officina? Come cambierà il lavoro della flotta diversificata di veicoli? Qual è la dotazione giusta per l’officina di domani? La conferenza stampa «Fit for Future Mobility – The Aftermarket of Tomorrow» si è concentrata su queste e altre questioni.

«A nostro avviso, l’avvento di tecnologie di propulsione alternative nelle officine non deve assolutamente essere considerato una minaccia per la loro attività», ha dichiarato Olaf Henning, membro della direzione aziendale di Mahle e responsabile della divisione Aftermarket. Al contrario! «Vediamo una serie di nuove aree di business e di attività che offrono alle aziende nuove opportunità e chance.»

Secondo Mahle, nella mobilità diversificata di domani la gestione termica sarà il nuovo ambito di assistenza per le officine. Jürgen Laucher, responsabile Aftermarket, ha spiegato che i motori elettrici e ibridi porteranno a una maggiore enfasi sull’assistenza ai climatizzatori. Infatti, l’elettronica di potenza e la batteria devono essere raffreddate, altrimenti il sistema potrebbe non funzionare correttamente. «La temperatura ideale della batteria è direttamente correlata all’autonomia e alla durata.» In questo modo l’assistenza ai climatizzatori nell’officina contribuisce in modo decisivo alla sicurezza del funzionamento dell’auto. 

Il fornitore è convinto che, per creare una mobilità sostenibile in tutto il mondo, sia necessaria l’intera gamma di sistemi di propulsione. «La rispettiva tecnologia utilizzata dipende in particolare dal peso e dalla destinazione d’uso del veicolo, nonché dalle condizioni generali dei mercati.» La composizione della flotta di veicoli avrà un’influenza decisiva sull’attività quotidiana delle officine indipendenti e sull’aftermarket nel suo complesso.

20200723_antriebssysteme_text.jpg
Fonte: Mahle

Come guida per gli sviluppi tecnologici, il gruppo utilizza i cosiddetti scenari di propulsione Mahle, che rappresentano la mobilità di domani. Secondo questi dati, nel 2030 un veicolo su due della gamma di autovetture sarà ancora alimentato da un motore a combustione, il 10% da diesel, il 5% da CNG/LNG/GPL e poco più di un’auto su tre avrà un motore elettrico, ibrido o a celle a combustibile. Uno sguardo al settore dei veicoli commerciali mostra che il motore a combustione continuerà a svolgere un ruolo importante ancora per molto tempo.

20200723_antriebsszenarien_text.jpg
Fonte: Mahle

Cosa implicano questi scenari per l’aftermarket? «Con la varietà di propulsioni, aumenterà anche il numero di parti di ricambio e di attrezzature necessarie per l’assistenza», ha spiegato Olaf Henning. Inoltre, si assisterà a un incremento della domanda di formazione e perfezionamento. Ciò richiede training e offerte informative adeguate. E, non da ultimo, la quota di componenti modulari nel veicolo, che combinano una vasta gamma di funzioni, continua ad aumentare.
Feld für switchen des Galerietyps
Bildergalerie

Aggiungi commento

CAPTCHA con immagine
Inserire i caratteri mostrati nell'immagine.

Commenti