L’unione dei due colossi è andata in fumo

6 giugno 2019 agvs-upsa.ch – Da una fusione tra Fiat Chrysler e Renault doveva nascere la terza casa automobilistica più grande del mondo. Ora l’unione dei colossi è andata in fumo.
 
fca_renault_artikel.jpg

jas. Non se ne fa nulla della fusione prevista tra Fiat Chrysler (FCA) e Renault. A seguito della riluttanza di Renault, su richiesta dello Stato francese, a rispondere all’offerta di colloqui e dell’ulteriore rinvio dei colloqui formali di fusione, FCA ha sorprendentemente ritirato la sua offerta «con effetto immediato» nella notte tra mercoledì e giovedì.

Ancora la settimana scorsa FCA aveva annunciato l’intenzione di unirsi a Renault. Le aziende avrebbero potuto diventare il terzo produttore automobilistico più grande al mondo e sfidare i leader di mercato Volkswagen e Toyota. Fiat Chrysler aveva proposto che i gruppi aziendali detenessero ciascuno la metà della nuova società. Insieme, FCA e Renault avrebbero prodotto circa 8,7 milioni di veicoli all’anno.

Ci si rammarica del fatto che attualmente in Francia non esistano le condizioni politiche per il successo di una tale fusione, ha affermato il produttore automobilistico italo-americano con un tono un po’ risentito. Renault inizialmente non ha commentato la decisione di FCA. Tuttavia, la mancata fusione non è l’unica cattiva notizia per Renault in questo momento. Il ministro francese dell’economia Bruno Le Maire ha dichiarato infatti che presenterà una denuncia riguardo alla faccenda dell’ex top manager della Renault Carlos Ghosn.
 
Feld für switchen des Galerietyps
Bildergalerie

Aggiungi commento

CAPTCHA con immagine
Inserire i caratteri mostrati nell'immagine.

Commenti