Mercato auto: prosegue la crescita delle propulsioni alternative

Evoluzione del mercato automobilistico negli ultimi dodici mesi (fonti: obs/auto-schweiz / autosuisse).

4 luglio 2018 agvs-upsa.ch - Il mercato automobilistico in Svizzera e nel Principato del Liechtenstein ha concluso un semestre soddisfacente. Nel primo semestre del 2018 sono state messe in circolazione 157 910 autovetture nuove. Nonostante un calo minimo dello 0,6%, pari a 1008 immatricolazioni, il risultato semestrale è positivo. Difatti il mercato è sulla buona strada per raggiungere nel 2018 almeno il risultato dell’anno precedente, pari a 314 000 nuove immatricolazioni. Quasi un veicolo nuovo su due è un 4x4, la crescita delle propulsioni alternative continua.

pd. Solo nel mese di giugno sono state immesse in circolazione 31 476 autovetture nuove, 447 (1,4%) in meno rispetto allo stesso mese dell’anno precedente. La quota di trazione integrale è del 47,6 percento (+1,8%), le motorizzazioni alternative sono al 6,5 percento (+1,1%). In particolare rispetto all’anno precedente è cresciuta la quota delle motorizzazioni ibride abbinate a un motore a benzina (1378, +20,7%) e quella delle vetture puramente elettriche (567, +17,4%). Nel mese di giugno sono state immatricolate complessivamente 2052 nuove vetture con propulsione alternativa (+19,6%).

Dopo sei mesi, sono state registrate 157 910 nuove immatricolazioni, con un calo di 1008 veicoli, pari allo 0,6%. La quota di veicoli a trazione integrale è del 48,4 percento, rispetto al 46,3 percento del primo semestre 2017. Il superamento della soglia magica del 50 percento per l’intero anno dipenderà dalla stagione autunno/inverno nel quarto trimestre. Tuttavia, in termini di bilancio di CO2 questo non è un obiettivo auspicabile. Il successo delle vetture 4x4 dimostra ancora quanto gli automobilisti svizzeri apprezzino le dotazioni di sicurezza e comfort. Crescono anche le propulsioni alternative, con 9 886 veicoli immatricolati (+25,7%). La quota di mercato dopo sei mesi è del 6,3 percento (2017: 4,9%).

«L’industria automobilistica svizzera ha concluso un primo semestre solido», afferma il portavoce di auto-schweiz Christoph Wolnik, commentando i dati. «È stato quasi raggiunto il livello dell’anno precedente, che era anche l’obiettivo dichiarato per il 2018 fin dall’inizio. La crescita delle propulsioni alternative è incoraggiante, ma ovviamente rappresentano ancora una realtà limitata». Tuttavia questo trend è destinato a continuare grazie alla crescente offerta di modelli, ai prezzi in calo, alle maggiori autonomie e alle sempre più numerose infrastrutture di carica e rifornimento di combustibili alternativi, sostiene Wolnik.

«Ma serve un’unione di forze. Non possiamo raggiungere da soli gli obiettivi CO2 fissati dalla politica. Lo abbiamo detto chiaramente quando abbiamo annunciato il nostro obiettivo del “10/20”», sottolinea Christoph Wolnik. Con “10/20” auto-schweiz mira a raggiungere una quota di mercato del dieci percento nel 2020 soltanto con auto elettriche e ibride plug-in. Anche altri sistemi di propulsione alternativi, come i motori a gas, a idrogeno e ibridi, dovrebbero dare un importante contributo alla riduzione delle emissioni di CO2 in Svizzera e nel Liechtenstein.

Le cifre dettagliate suddivise per marca sono disponibili alla pagina www.auto.swiss.
Feld für switchen des Galerietyps
Bildergalerie