Successo in pista e in garage

Sciatore da competizione

Successo in pista e in garage

29 aprile 2024 agvs-upsa.ch – Lo sciatore Sandro Zurbrügg ha fatto scalpore quest'inverno, conquistando i suoi primi punti in Coppa del Mondo – e ora fiutando l'élite mondiale. In precedenza, il ventunenne dell'Oberland bernese si era già distinto nella sua formazione come meccanico di manutenzione auto CFC. Andy Maschek

inhaltsbild3_920x500px.jpg
Quest'estate, Sandro Zurbrügg lavorerà ancora una volta temporaneamente per la sua società di formazione. Foto: media UPSA

Sandro Zurbrügg si gode ancora qualche ora libera a Frutigen (BE), la sua casa, a metà aprile, prima di andare in vacanza per una settimana. Ha appena trascorso diversi mesi, o meglio diversi anni, al massimo delle sue possibilità. Sulle piste da sci, nel suo apprendistato professionale e per la Svizzera, perché l'estate scorsa, tra le ultime gare della stagione e l'inizio degli allenamenti sulla neve, doveva ancora completare la sua scuola reclute e garantire una transizione senza problemi.

Sandro Zurbrügg sapeva da anni di voler spiccare il volo come sciatore agonista. Era anche chiaro che, dopo nove anni di scuola, aveva bisogno di cambiare aria e non solo di rimanere a scuola. La scuola secondaria sportiva di Engelberg, frequentata da molti sciatori di talento, o un apprendistato come impiegato commerciale non erano quindi in programma per lui. Si è invece cimentato nell'artigianato. «Io e i miei genitori abbiamo iniziato a cercare un posto di apprendistato, possibilmente a Frutigen, per limitare i tempi di percorrenza», spiega il ventunenne. Un apprendistato come polimeccanico sarebbe stato possibile presso l'azienda Wandfluh, che da anni offre posti di formazione ai futuri sportivi di alto livello. Ma non era il lavoro che voleva fare, perché è sempre stato appassionato di automobili e voleva vedere su cosa stava lavorando piuttosto che fabbricare pezzi. «Così, insieme alla famiglia Schmid dell'officina Schmid Waldegg, che conoscevamo grazie allo sci club, abbiamo valutato la possibilità di un apprendistato come meccanico d'auto – e alla fine è andata bene».

Difficile gestione del tempo
Imparare un mestiere manuale non è una cosa comune per gli sportivi di alto livello. Come spiega Paul Schmid, direttore del Garage Schmid Waldegg, membro dell'UPSA: «È un lavoro che richiede molto tempo, perché non si sa mai quando Sandro sarà qui. Avrei immaginato che la gestione del tempo fosse più semplice. È stato difficile pianificare con lui: all'improvviso c'era di nuovo una pista di allenamento e Sandro non lavorava più il martedì, ma il giovedì. Ma per noi andava bene così. Inoltre, avevamo un secondo apprendista, e Sandro camminava praticamente nella porta accanto». Per Paul Schmid era importante che tutti in azienda accettassero lo status speciale di Zurbrügg: «Non volevo che qualcuno si lamentasse perché era di nuovo assente. Ma ha funzionato perfettamente».

Guardando al passato, Sandro Zurbrügg parla di un periodo austero durante il quale ha combinato scuola e formazione. Non solo quando era sulla strada ad allenarsi sulla neve o a gareggiare, ma anche in estate, quando la sala pesi o l'allenamento fisico lo aspettavano dopo il lavoro quotidiano in garage. Almeno la scuola è stata relativamente facile per lui, secondo Zurbrügg, e anche il recupero delle materie mancanti o il recupero degli esami hanno funzionato bene. Era più l'aspetto pratico a essere difficile, perché in inverno poteva lavorare in officina solo tre giorni al mese. Ma cosa significa "difficile"? Non ha nemmeno dovuto approfittare della possibilità di fare l'apprendistato in quattro anni invece che in tre. Invece, ha ottenuto il diploma nel 2021 dopo tre anni, proprio come gli apprendisti «normali», e con un brillante voto di 5,5!

Il proprietario del garage Paul Schmid non può che elogiare il suo ex apprendista, lodando qualità come la disciplina, il mordente e la perseveranza sia nello sci che nell'apprendimento. «Tutto quello che dovevi fare era dirgli le cose una volta sola e lui le faceva bene. Siamo entrati in sintonia sia professionalmente che come persone. È stata impressionante anche l'energia e la determinazione che ha mostrato nel suo lavoro. È un piacere per il maestro apprendista.»

inhaltsbild1_920x500px.jpg
Sandro Zurbrügg e il suo maestro di apprendistato Paul Schmid dell'officina Schmid Waldegg di Frutigen (BE).

La stima è reciproca
Zurbrügg è grato per l'opportunità che ha avuto e sa che «non è qualcosa che si può dare per scontato». Ha un bel ricordo del suo apprendistato. «È sempre stato bello avere qualcosa da fare oltre allo sci, vedere altre facce, armeggiare in garage o andare a scuola. È stato anche prezioso poter frequentare i corsi interaziendali nel gruppo che mi era più congeniale». E quando gli viene chiesto quali sono state le sue maggiori difficoltà, risponde: «Le pause e le assenze da scuola dovute alla gara mi hanno costretto a recuperare per essere pronto per gli esami». Cosa che è riuscito a fare. Con tutte queste assenze – Paul Schmid parla di un anno perso dal suo apprendista – era in qualche modo logico che Zurbrügg non avesse quasi mai acquisito quell'immagine positiva di sé che gli sportivi di punta chiamano comunemente «flusso» e che porta a un'immensa fiducia in se stessi. O, come dice lui stesso: «Quando le cose non vanno bene, è estremamente difficile. È lo stesso a scuola: se sei indietro in una materia e non prendi buoni voti, non è facile. Ma quando le cose vanno bene, tutto è più leggero».

Ora punta a questa dinamica positiva nelle gare di sci, visto che la scorsa stagione è stata una tappa molto speciale per lui. Nel dicembre 2023 ha potuto partecipare per la prima volta a una gara di Coppa del Mondo e ha subito ottenuto punti piazzandosi al 17° posto nello slalom gigante sulla selettiva pista di Val d'Isère, in Francia. Ha ripetuto l'impresa più tardi a Schladming, in Austria, piazzandosi al 24° posto. In questo modo ha dimostrato l'enorme potenziale che ha dentro di sé e che lo rende una speranza per il futuro.

Come ogni aspirante sportivo di punta, Sandro Zurbrügg ha progetti, obiettivi e sogni. Il collega della superstar Marco Odermatt (di cui Zurbrügg segue ovviamente le orme) vuole innanzitutto migliorare la sua posizione di partenza in Coppa Europa, per poter entrare prima o poi in corsa per la vittoria. E cogliere le opportunità in Coppa del Mondo, ottenere di nuovo risultati tra i primi 30e segnare punti. Poi si tratta di affermarsi nell'élite mondiale, nella sua disciplina preferita, lo slalom gigante, ma anche nel superG. È una sfida enorme. A 21 anni, i pensieri sulla vita dopo lo sport sono lontani, ma l'aver completato l'apprendistato fornisce una preziosa sicurezza e il bernese dell'Oberland può in linea di principio immaginare di tornare alla professione un giorno. "In tal caso, seguirei sicuramente ulteriori corsi di formazione, soprattutto perché la professione è in continua evoluzione e non è facile rientrarvi. Soprattutto con il crescente numero di veicoli elettrici.

Ma la strada è ancora lunga. Prima di tutto, Sandro Zurbrügg è tornato alla sua routine quotidiana in officina. Nelle prossime settimane lavorerà presso la sua azienda di formazione, guadagnando un po' di soldi. «Le porte per Sandro sono sempre aperte», dice Paul Schmid del suo ex apprendista. "Speriamo che riesca a fare bene nello sport come quando ha finito l'apprendistato!

 

Cosa dicono gli esperti

Di quali qualità hanno bisogno gli sportivi di alto livello per poter seguire contemporaneamente un apprendistato tecnico? Perché le aziende di formazione sono particolarmente richieste? Olivier Maeder, direttore del settore Formazione dell'UPSA, risponde ad alcune domande.

Uno sportivo di spicco come Sandro Zurbrügg, che sta completando un apprendistato come meccanico d'auto. Sembra impressionante, vero?
Sì, certamente. È molto raro nell'industria automobilistica. Nel settore commerciale è più conosciuto ed è anche più compatibile con la formazione.

Quali sono, secondo lei, le qualità che caratterizzano questi giovani?
Seguono la loro strada con coerenza. Oltre allo sport di alto livello, Sandro voleva ottenere una qualifica professionale. E non un diploma professionale qualsiasi: voleva imparare un mestiere nell'industria automobilistica, e lo ha fatto con costanza e successo. Ci vuole molta perseveranza e ambizione.

Nel caso della combinazione di sport e formazione professionale, le assenze frequenti sono normali. Dove vede le maggiori difficoltà per un apprendista in questo senso?
Che, nonostante le numerose assenze, riesca comunque ad assimilare le materie scolastiche e ad acquisire una sufficiente esperienza pratica in azienda.

Ma anche l'azienda formatrice ha un ruolo da svolgere. Di cosa bisogna tenere conto in particolare? Ci sono requisiti speciali? Un'azienda deve essere pronta a intraprendere una simile «avventura». Occorre molta comprensione e flessibilità. Inoltre, la struttura deve essere di una certa dimensione per poter far fronte ad assenze di breve durata.
I giovani sportivi di successo in genere si concentrano sullo sport dopo aver completato l'apprendistato e non tornano alla professione che hanno imparato per dieci o quindici anni. Il ritorno alla vita lavorativa nell'industria automobilistica è possibile solo nel servizio clienti o nelle vendite? O è possibile anche nel settore tecnico, nonostante il rapido sviluppo della tecnologia?
Come consulente per l'assistenza e per le vendite, penso che sia assolutamente possibile. Nel settore tecnico, dipende da quanto tempo si è usciti dal settore, perché la tecnologia si sviluppa molto rapidamente. Tutto è possibile, ma nel settore tecnico diventa più impegnativo per entrambe le parti.

L'UPSA offre corsi speciali per chi ritorna allo sport, e non solo per gli atleti? E non solo per gli atleti?
Sì, nel settore delle vendite è d'obbligo il seminario di base di dieci giorni sul mestiere di consulente di vendita auto. Anche i due corsi di formazione per i due esami professionali con diploma federale, Consulente per la vendita di autoveicoli e Consulente per l'assistenza di autoveicoli, sono aperti a persone che tornano al lavoro con la relativa esperienza.

Queste persone potrebbero essere preziose per combattere la carenza di manodopera qualificata?
Certo, di questi tempi ogni lavoratore in più conta. Soprattutto perché da anni ci sono molte persone che cambiano carriera, in particolare nel settore delle vendite di automobili. Ma ci sono anche persone del servizio clienti che hanno esperienza nel trattare con i clienti e che, nonostante le altre conoscenze del settore, sono preziose per noi.
Feld für switchen des Galerietyps
Bildergalerie

Aggiungi commento

3 + 17 =
Risolvere questo semplice problema matematico e inserire il risultato. Ad esempio per 1+3, inserire 4.

Commenti