Un'idea brillante per il successo

La storia di Bosch

Un'idea brillante per il successo

22 marzo 2024 agvs-upsa.ch – Tutti conosciamo il nome Bosch. Ma chi sa chi è veramente Robert Bosch GmbH? Ripercorriamo il modo in cui Bosch ha rivoluzionato l’automobile, ha co-inventato l’officina e il motivo per cui uno slogan pubblicitario di Bosch era «Bevi più latte». Timothy Pfannkuchen


Inventore geniale e sempre impegnato in una buona formazione: Robert Bosch (davanti) con i suoi apprendisti nel 1936.

Alla Bosch si compra il latte, per esempio. Come, scusa? No, non è uno scherzo: una volta Bosch pubblicizzava «Bevi più latte!» per i prodotti Bosch appena munti. Ancora oggi, è possibile acquistare Wienerli o succo di mela presso la fattoria Bosch di Mooseurach, in Baviera. Bosch era ed è soprattutto un’automobile. Ma non si tratta solo di fari, pastiglie dei freni, candele e dispositivi diagnostici, ma anche di un trapano a percussione (un brevetto Bosch!), un frigorifero, una pompa di calore, un software e una e-bike. 


Latte fresco di Bosch: nel 1933, Bosch utilizzò lo slogan «Bevete più latte» per pubblicizzare i prodotti della fattoria Bosch, dove il fondatore dell’azienda stava effettuando ricerche sui metodi di coltivazione.

Il maso Bosch, che non appartiene più alla Robert Bosch GmbH ma è gestito dalla famiglia Bosch, è un tipico aneddoto Bosch. O, come diremmo oggi, una storia «#LikeABosch» (come recita lo slogan pubblicitario): August Robert Bosch (1861-1942) proveniva da una famiglia di agricoltori svevi e utilizzava il Boschhof per il tempo libero. Ma l’ingegnoso inventore non sarebbe rimasto se non ci fosse stato dell’altro. Bosch non ha mai voluto vendere latte, ma rendere il mondo un po’ migliore. Per questo, in un’epoca in cui il cibo scarseggiava, ricercò metodi di coltivazione migliori. Con successo. 

La candela divenne un successo
Ma soprattutto, il successo arrivò con tutto ciò che aveva le ruote. Dopo anni di viaggi e apprendistato all’estero, il «meccanico» Robert Bosch fondò la sua «Officina di meccanica di precisione ed elettrotecnica» a Stoccarda nel 1886, all’età di 25 anni. Nello stesso anno, Carl Benz inventò l’automobile nella vicina Mannheim. Bosch descrive in seguito i suoi difficili primi dieci anni di attività come «un brutto pasticcio». Ma anche guidare un’auto rimane un brutto guaio: Un guasto ogni dieci chilometri, spesso dovuto all’accensione, perché i motori fissi dell’auto non erano buoni. Una sfida di Bosch, per così dire: c’è un modo migliore. È così che si scoprono inventori e veicoli.


Bestseller: ancora oggi, le candele di accensione sono un prodotto tipico di Bosch. Anche le nervature dell’isolante, inventate in questa forma da Bosch nel 1969, sono tipiche. Immagine in cerchio: scintilla di accensione per l’ascesa di Bosch: la candela ad alta tensione del 1902 con flangia.

Et voilà: Bosch inventa la prima accensione magnetica affidabile per autovetture e, nel 1902, l’accensione magnetica ad alta velocità con candela corrispondente. Una svolta! La candela diventa la scintilla di accensione dell’azienda globale. Inizialmente poche centinaia, oggi Bosch produce 300 milioni di candele all’anno: in 138 anni da un’attività di tre persone a un gigante con 430’000 dipendenti (tra cui 85’000 sviluppatori!) e il più grande fornitore di autoveicoli (davanti a Denso, Continental, ZF e Magna). Naturalmente, Bosch ha anche attraversato delle crisi: guerre mondiali, crisi finanziarie o negli anni ’60, quando l’azienda è diventata troppo inflessibile. Oggi, il cambiamento nella mobilità è una sfida. Ma non è certo per mancanza di inventiva.

Niente ABS o ESP senza Bosch
Solo alcuni esempi: la prima iniezione diretta, la prima iniezione elettronica, il sistema common rail, la sonda lambda, il tergicristallo elettrico, l’autoradio prodotta in serie (Blaupunkt), il bloccasterzo, i fari allo xeno. Oppure la sicurezza: il sistema antibloccaggio elettronico (ABS) e la protezione antislittamento ESP hanno debuttato come sviluppi Bosch nei modelli Mercedes. E spesso è stato Bosch a perfezionare idee valide ma che in precedenza non avevano avuto successo, rendendole adatte alla produzione di serie. I primi airbag fecero fiasco negli Stati Uniti. Un problema: attivarli al momento giusto. Bosch sviluppò l’unità di controllo con un sensore di accelerazione e rese l’airbag pronto per la produzione in serie come salvavita per tutti.


Ben equipaggiato: Un veicolo per i test dell’ABS nei primi anni ’70. Il primo ABS elettronico di successo è stato sviluppato da Bosch ed è entrato nella produzione di serie della Mercedes a partire dal 1978. Foto: Mercedes

Forse Bosch dovrebbe prendere come un complimento il fatto che quasi nessun altro marchio debba fare tanto per combattere la pirateria dei prodotti (Bosch ha persino fondato la piattaforma bosch-origify.com per verificare l’autenticità): Un tergicristallo contraffatto si vende bene solo se sulla confezione c’è scritto «Bosch». Bosch funziona. E Bosch ha anche escogitato la cosa migliore da fare quando smette di funzionare. Agli albori dell’automobile, non esistevano le officine: la manutenzione era una questione privata, le riparazioni venivano effettuate da idraulici e velomechi. Solo con l’arrivo della Ford Modello T, prodotta in serie nel 1908, i pezzi di ricambio di massa divennero disponibili sul mercato dei ricambi. Nacquero presto le prime officine automobilistiche pure. Bosch ha riconosciuto la tendenza: nel 1921 è stata fondata la prima «officina di installazione e riparazione», poi diventata «Bosch Service» e quindi Bosch Car Service. Oggi, con 16’000 aziende partner in tutto il mondo (90 in Svizzera), è uno dei più grandi concetti di officina.

Tanta innovazione e impegno
Il boom dell’attività (fatturato annuo di 92 miliardi di euro nel 2022) è dovuto al fatto che il Gruppo si è reinventato per rimanere fedele a se stesso. L’elettricità è diventata elettronica, l’elettronica è diventata informatica, la benzina è diventata elettricità. Due esempi: La diagnostica remota e le celle a combustibile sono i punti di forza di Bosch. E l’eredità dell’impegno di Robert Bosch. Bosch, che non aveva mai studiato, assunse apprendisti fin dal primo giorno e costruì case dello studente in modo che la generazione successiva potesse diventare qualcosa. Durante il Terzo Reich, sostenne i combattenti della resistenza. Fu il primo a ridurre l’orario di lavoro e ad aumentare i salari. Robert Bosch: «Non pago buoni salari perché ho molti soldi, ho molti soldi perché pago buoni salari». 

Ancora oggi, Robert Bosch GmbH è un’azienda a conduzione familiare e una delle prime dieci aziende al mondo che hanno richiesto brevetti, sia per la tecnologia dei semiconduttori che per l’intelligenza artificiale, per i motori di avviamento o per le batterie di avviamento. E la candela che ha dato il via a tutto? Sfoggia ancora con orgoglio le nervature isolanti sviluppate da Bosch nel 1969 (per una maggiore tensione di accensione). E continua ad accendersi e ad accendersi.
 
120 anni di Bosch in Svizzera

Il team di Bosch Svizzera per l’attività di officina e l’aftermarket: qui, nella sede di Robert Bosch AG Automobiltechnik Schweiz a Urdorf ZH, sono ritratti, da sinistra, Sandro Francescutto, Responsabile Garage Equipment, Dirk Appelt, Responsabile Automotive, e Hans-Peter Saar, Responsabile Garage Concepts. Foto: UPSA Media 

I prodotti Bosch venivano venduti in Svizzera già nel 1904, 120 anni fa! La società nazionale Bosch è stata fondata nel 1920 e oggi il Gruppo Bosch in Svizzera, con sede a Zuchwil SO, comprende sette società: Robert Bosch AG, Scintilla AG, Bosch Rexroth Schweiz AG, Bosch Thermotechnik AG, Sia Abrasives Industries AG, BSH Hausgeräte AG ed Elpro-Buchs AG. Nel 2022, Bosch ha realizzato in Svizzera un fatturato di 815 milioni di franchi svizzeri con circa 2200 collaboratori.
Feld für switchen des Galerietyps
Bildergalerie

Aggiungi commento

7 + 2 =
Risolvere questo semplice problema matematico e inserire il risultato. Ad esempio per 1+3, inserire 4.

Commenti