Ecco in cosa consiste l’esame finale per assistente di manutenzione per automobili

30 marzo 2020 professioneauto.ch – Secondo la nuova ordinanza sulla formazione professionale (OFPr), i primi assistenti di manutenzione per automobili sosterranno il primo esame finale a maggio/giugno 2020. Circa 350 giovani hanno svolto la loro formazione negli ultimi due anni e sono ora impegnati nei preparativi che porteranno all’esame finale. ​



as. Con l’introduzione della nuova OFPr, è stata modificato anche l’esame finale per assistente di manutenzione per automobili, che è stato strutturato anche con orientamento alle competenze operative. Inoltre, gli apprendisti potranno ora utilizzare agli esami la loro documentazione di formazione – il materiale didattico elettronico della scuola professionale e il manuale pratico elettronico dei corsi interaziendali – offline o in forma cartacea.

La denominazione dei settori di qualificazione nella procedura di qualificazione rimane invariata: «Lavoro pratico» (LP), «Conoscenze professionali» (CP), «Cultura generale» e «Nota dei luoghi di formazione». 

Il «lavoro pratico» ha una doppia ponderazione, mentre la ponderazione del resto è semplice. Continueranno a esserci sette postazioni pratiche in LP. La durata per postazione è stata ora stabilita a 50 minuti. L’esame pratico dura così complessivamente 350 minuti.

 

Rimanete aggiornati e iscrivetevi alla newsletter sulle professioni dell’auto!
Iscriviti ora

 


 


«Lavoro pratico» 
In LP le singole prestazioni ricevono un determinato obiettivo di prestazione. Adesso ci saranno tre note per posizione, relative agli ambiti di competenza operativa «Verifica e manutenzione dei veicoli», «Sostituzione di componenti usurati» e «Sostegno alle operazioni aziendali». Queste vengono arrotondate alla nota intera o alla mezza nota. 

«Conoscenze professionali» 
Nelle «Conoscenze professionali» ci saranno quattro note per posizione. Anche in questo caso le prime tre sono relative agli ambiti di competenza operativa. La posizione 4 è adesso un colloquio professionale (esame orale), che avverrà in due situazioni di lavoro interconnesse ai tre ambiti di competenza operativa. Di queste due situazioni di lavoro, che occuperanno 30 minuti del tempo d’esame: una è a libera scelta dei candidati, scelta da effettuarsi in precedenza. La seconda viene loro assegnata dai periti. In questo colloquio professionale vengono verificate le conoscenze professionali in relazione alla pratica.

«Cultura generale» 
Questa parte non subisce variazioni e si svolge come prima. 

«Nota dei luoghi di formazione» 
Per quanto riguarda la nota dei luoghi di formazione si calcola la media delle quattro note semestrali nella materia «Competenze professionali» della scuola professionale e la media delle quattro note dei corsi interaziendali. In tal modo si ottiene una nota (arrotondata alla mezza nota o alla nota intera) per la scuola professionale e una nota (arrotondata alla mezza nota o alla nota intera) per i corsi interaziendali, arrotondata poi a un decimo di nota.

L’esame è superato se al lavoro pratico e alla nota finale si ottiene almeno la nota 4,0.
 
ATTENZIONE: Al momento non è ancora stato deciso se la procedura di qualificazione 2020 possa essere effettuata nella forma prevista a causa della situazione attuale.
Feld für switchen des Galerietyps
Bildergalerie

Aggiungi commento

CAPTCHA con immagine
Inserire i caratteri mostrati nell'immagine.

Commenti