L'UPSA è pronta per il futuro della mobilità

Nuova visione e strategia UPSA

L'UPSA è pronta per il futuro della mobilità

8 luglio 2024 agvs-upsa.ch – La mobilità sta cambiando e così il settore auto. Per questo motivo, e per contribuire a plasmare il suo futuro in modo ancora più attivo e al passo con i tempi, l’UPSA sta ora mettendo in parole ancora più chiare la sua visione, la sua strategia e la sua missione, già note dal Codice d’onore dell’UPSA. Ne parliamo con Andri Zisler e Markus Aegerter del Consiglio Direttivo UPSA e con i giovani proprietari di autofficine. Timothy Pfannkuchen


La visione, la strategia e i valori dell’UPSA esprimono l’immagine di sé e i suoi obiettivi. La nuova visione, la strategia e la missione dell’UPSA

Il mondo della mobilità sta cambiando rapidamente. E con esso il settore auto. Come ogni azienda e ogni associazione, l’UPSA rivede quindi regolarmente la propria immagine, riassunta nella visione, nella strategia e nella dichiarazione di missione - i valori - che rappresentano l’associazione e i suoi membri e vengono vissuti da questi ultimi. I valori sono già noti grazie al Codice d’onore dell’AGVS e stanno già avendo un grande impatto (vedi riquadro nella doppia pagina seguente).

Gruppo di lavoro con i garagisti più giovani
La nuova versione è stata redatta su iniziativa del Consiglio centrale dell’UPSA, che ha formato un gruppo di lavoro. Non si trattava solo di un gruppo di lavoro di funzionari, ma anche di membri di varie sezioni, tra cui soprattutto i garagisti più giovani. «Era giunto il momento di un cambio generazionale», spiega Andri Zisler, delegato del Consiglio centrale dell’UPSA e presidente ad interim del Consiglio esecutivo dell’AGVS, nonché membro del gruppo di lavoro. «Come associazione, dobbiamo esaminarci regolarmente: la nostra visione, i nostri obiettivi, la nostra strategia e la nostra dichiarazione di missione sono ancora corretti? Sono ancora aggiornati? Ciò significa anche diventare più brevi e più nitidi, cioè più memorabili, e anche parlare in modo più moderno nella dichiarazione di missione di valori invece che di un codice d’onore». Zisler sottolinea: «È importante che tutti - nell’associazione, nelle aziende o per i clienti delle officine - capiscano cosa si intende. Dopotutto, visione, strategia e valori hanno senso solo se possiamo sostenerli tutti insieme. E se sono permeabili, cioè facili da applicare per l’associazione, le officine e i clienti».
 

La visione dell’UPSA
«Insieme, plasmiamo il futuro della libera mobilità in Svizzera».

Modellare in modo proattivo e aperto alla tecnologia
Markus Aegerter, direttore generale della rappresentanza industriale dell’UPSA e membro del gruppo di lavoro, spiega la visione dell’UPSA: «Le officine e l’UPSA fanno parte dell’industria della mobilità svizzera. Per questo motivo ci assumiamo la responsabilità della leadership e non lasciamo la definizione della mobilità futura solo ai produttori e agli importatori, ai politici e alle autorità. In qualità di fornitori di servizi di mobilità, le officine e noi come loro associazione stiamo plasmando in modo proattivo il futuro della mobilità, soprattutto per quanto riguarda la formazione e a favore di una mobilità senza restrizioni di forma o, ad esempio, senza divieti tecnologici sui futuri tipi di trazione.»
 

La strategia dell’UPSA

  • Quali prestatori di servizio principali del settore, definiamo gli standard in materia di mobilità, innovazione e progresso tecnologico.
  • Promuoviamo la formazione e il perfezionamento professionale specifici nel nostro ramo, mirando ad avere una situazione equilibrata della forza lavoro qualificata.
  • Siamo aperti a tutte le tecnologie, energie e forme di mobilità.
  • Ci impegniamo per una gestione accurata delle nostre risorse.
  • Incentiviamo la libertà d’impresa e con essa l’indipendenza economica.
  • Lavoriamo in modo responsabile e sostenibile.
  • Sfruttiamo in modo mirato le sinergie attraverso una collaborazione mirata con le organizzazioni partner e del settore.
  • Ci imponiamo elevati standard di qualità e li verifichiamo regolarmente.
  • Siamo per la trasparenza, la stima e una comunicazione aperta, sincera e rispettosa.
  • Ci impegniamo efficacemente a livello politico e intratteniamo una solida rete di contatti.


  
Andri Zisler, membro del Consiglio Direttivo Centrale e Presidente ad interim del Consiglio Direttivo dell’UPSA (a sinistra) e Markus Aegerter, membro del Consiglio Direttivo responsabile della rappresentanza del settore presso l’UPSA (a destra).

Comunità e mobilità in primo piano
Secondo Markus Aegerter, cosa è cambiato in particolare nella nuova strategia adottata dalla Conferenza dei presidenti? «Soprattutto il fatto che tutte le dichiarazioni sono applicabili sia all’associazione che ai proprietari di garage. La formulazione «noi» lo rende chiaro. Ciò significa anche che la maggioranza dei membri dell’UPSA dovrebbe essere in grado di identificarsi con essa». Colpisce anche il fatto che non vengano più utilizzati i termini «auto» e «autoriparatore». «Il gruppo di lavoro ne ha deliberatamente fatto a meno», afferma Aegerter, «la mobilità è ora in primo piano». Andri Zisler aggiunge: «La strategia precedente non era misurabile. Ora è stata formulata in modo tale da poter verificare se l’associazione e i suoi membri la stanno attuando – e che anche i proprietari di garage possono adattarla alle loro attività».
Le voci di tre giovani autoriparatori che hanno lavorato alla visione, alla strategia e ai valori nel gruppo di lavoro UPSA:

Ilaria Devittori, 32 anni, Devittori all cars plus SA (Biasca TI), membro del Comitato centrale dell’UPSA.
«Come giovane imprenditrice, sono lieta di aver potuto contribuire alla strategia. Era importante che il gruppo di lavoro fosse eterogeneo e comprendesse sia giovani che imprenditori più esperti: questo ha portato a un buon risultato. Non è mai facile sviluppare una strategia per una grande associazione, ma ora può essere implementata e personalizzata per ogni azienda. Sono convinto che questo metterà l’UPSA e i suoi membri sulla strada giusta e li attrezzerà per il futuro. La formazione e la trasparenza sono particolarmente importanti per me. Senza una formazione e un aggiornamento adeguati, non possiamo guardare al futuro con ottimismo – a mio avviso, questo non è certo il compito più facile, ma è il più importante. E la comunicazione trasparente è il fondamento di ogni azienda di successo, perché questa trasparenza porta a un’atmosfera di lavoro migliore e promuove il successo a lungo termine. Nella nostra azienda utilizziamo la strategia come linea guida e la adattiamo alla nostra realtà. Diamo inoltre priorità alla formazione, ai rapporti di fiducia, all’alta qualità del lavoro e, ad esempio, alla proposta di un'ampia gamma di motori e propulsion. Facciamo del nostro meglio per stare al passo con la tecnologia - e confidiamo che l’UPSA ci sostenga offrendo formazione e servizi utili per tutti i membri».


Luca Jaquet, 34 anni, Steiggarage L. Jaquet (Beringen SH), Presidente della sezione UPSA di Sciaffusa
«Per me tutti i passaggi della strategia dell’UPSA sono importanti, in particolare i nostri elevati standard di qualità, l’apertura alla tecnologia, l’immagine positiva del settore e l’essere un datore di lavoro attraente. La visione ci proietta nel futuro, la strategia e i valori ci danno gli strumenti per farlo – con tutte le conseguenze del caso, come l’esclusione delle officine che violano il codice d’onore. Spero che il marchio UPSA sia tenuto in maggiore considerazione: ora abbiamo l’opportunità di fare dell’UPSA un’associazione che sia sinonimo di artigianato pulito. Le officine dovrebbero voler aderire all’associazione perché incarna questi valori e non perché il percorso formativo è più favorevole agli apprendisti. Tuttavia, la nostra strategia è valida solo quanto la sua attuazione, e questo riguarda tutti gli organi, le sezioni e le officine, perché se non viviamo i nostri valori, essi diventano una farsa. Come giovane proprietario di un’autofficina, vedo un settore in subbuglio. Dobbiamo abbandonare il concetto di «solo se fuma nel retro è buono» e passare da un’associazione conservatrice e politicamente orientata solo a destra a un’associazione più flessibile, liberale e «più verde», non solo per convinzione, ma perché è necessario. Questo è ciò che molti giovani proprietari di garage come me sostengono. Lo vivo nella mia vita quotidiana, mettendomi costantemente in discussione e attuando, ad esempio, gerarchie piatte, metodi di lavoro flessibili e codeterminazione».

  
Gaël Lanthemann, 32 anni, Garages Lanthemann SA (Cortaillod NE/Champagne VD), membro della Direzione centrale dell’UPSA
«La nuova strategia dell’UPSA definisce il nostro ruolo di organizzazione ombrello per il settore auto e lo apre al cambiamento. La trasparenza e l’integrità sono importanti quanto l’impegno nella politica o nella formazione. È stato importante integrare un concetto più ampio di mobilità individuale e dei suoi tipi di propulsione, nonché un impegno per la libertà imprenditoriale nel futuro. Per me, il cuore dell’associazione e la spina dorsale dell’industria sono la formazione, che si tratti di formazione di base, formazione continua, buona assistenza o motivazione dei dipendenti. Le professioni dell’auto e la loro buona formazione permettono di stare al passo con i tempi e di essere innovativi. Anche l’apertura al cambiamento mi sembra essenziale: Un’industria che non si rinnova rimane bloccata in paradigmi di un’epoca passata. Io stesso sto attuando la strategia quasi alla lettera. L’idea era proprio questa: Una strategia per l’associazione in cui ogni officina si possa identificare e applicare. La strategia UPSA è un primo spunto di riflessione e, anche se alcuni punti sono stati adattati alle specificità delle aziende associate, la maggior parte di essi si ritrova in essa. Plasmare insieme il futuro della mobilità: Sono parole ben scelte che ci permettono di mantenere una rotta chiara e di andare avanti insieme».
 
La dichiarazione di missione: i valori dell’UPSA 
Anche media come il «Beobachter» riprendono il cosiddetto Codice d’onore dell’UPSA, che ora si chiama appropriatamente «I nostri valori» – perché, come scrive il «Beobachter»: le officine affidabili sono aziende associate all’UPSA, perché «devono soddisfare determinati standard minimi». Questa dichiarazione di missione, che le officine possono presentare ai loro clienti in formato A3, è quindi efficace e promuove un’immagine positiva del settore, una cooperazione costruttiva, un trattamento cortese dei clienti e un atteggiamento positivo. cooperazione costruttiva, trattamento cortese dei clienti e considerazione per il nostro ambiente. I valori della dichiarazione di missione corrispondono ai valori della «Visione, strategia e valori dell’UPSA».

Feld für switchen des Galerietyps
Bildergalerie

Aggiungi commento

11 + 0 =
Risolvere questo semplice problema matematico e inserire il risultato. Ad esempio per 1+3, inserire 4.

Commenti