Un No è un Sì per il clima!

Commento

Un No è un Sì per il clima!

6 giugno 2023 agvs-upsa.ch – Naturalmente il riscaldamento globale è un problema serio. Tuttavia, la legge sulla protezione del clima, che sarà presentata al popolo il 18 giugno, va nella direzione completamente sbagliata. Commento del presidente centrale dell'AGVS Thomas Hurter.

gletscher3_pixabay.jpg
I ghiacciai si stanno ritirando. Ma la legge sulla protezione del clima non può fare nulla al riguardo. Foto: Pixabay/Nico Grütter

«Il clima sta a cuore a tutti noi. È quindi chiaro che dobbiamo prendercene cura. Ma per favore non con il pacchetto ingannevole che voteremo il 18 giugno. Perché questa legge fissa un obiettivo per il 2050 senza sapere esattamente come questo obiettivo debba essere raggiunto. Poiché circa il 60% dell'energia prodotta oggi dovrà essere prodotta in futuro in modo alternativo, questa legge porta automaticamente a una massiccia dipendenza dall'estero. 

Anche la procedura stessa sembra sbagliata: La legge prescrive molto, ma non offre soluzioni. Si spinge il passaggio alle auto elettriche e alle pompe di calore. Ma solo in una seconda fase si esamina se siamo in grado di produrre abbastanza elettricità rinnovabile. Anche voi, cari lettori, non comprate costose attrezzature da officina e poi verificate come finanziarle. Come imprenditori, non fissereste mai un obiettivo la cui realizzabilità è del tutto incerta. Il piano dovrebbe essere: Sostituire prima i combustibili fossili con le fonti di energia rinnovabili e poi adattare le applicazioni alla loro disponibilità, senza affidarsi esclusivamente all'elettricità.

Inoltre, se la Svizzera deve davvero ridurre le sue emissioni di CO2 a zero entro il 2050, ciò equivale a un divieto de facto di benzina, diesel, gas e olio da riscaldamento. Anche se i sostenitori sostengono il contrario!

Auto solo per i ricchi? 
Di conseguenza, la ‹legge sul divoratore di elettricità› renderà l'energia più costosa e, in ultima analisi, dovremo semplicemente acquistare più energia dall'estero. Molto più costosa. Uno studio dell'ETH calcola che i costi dell'energia saranno fino a tre volte superiori. Come spesso accade, sono le PMI e le piccole e medie imprese a pagare il conto. Non deve accadere che solo i ricchi possano permettersi un'auto e la mobilità.

L'energia è importante per la società. Pertanto, la transizione energetica può avere successo solo se rimaniamo economicamente efficienti. A tal fine, è necessario chiarire da dove verrà l'elettricità sufficiente, anche in inverno. La legge non risponde a questa domanda con alcun paragrafo. Altrettanto sbagliato è il presupposto che l'aumento dell'efficienza porti a una riduzione della domanda di energia. Inoltre, la legge non risponde alla domanda su chi debba pagare tutti questi miliardi di sussidi.

Un no alla legge sulla protezione del clima non è quindi un no alla protezione del clima. Al contrario: un No è positivo per il clima! La nuova legge sul CO2 attualmente in discussione nei consigli, invece, è un'alternativa e mostra una strada percorribile che è fattibile, finanziariamente sostenibile e non porta a un'ulteriore dipendenza dall'estero.»
Feld für switchen des Galerietyps
Bildergalerie

Aggiungi commento

2 + 18 =
Risolvere questo semplice problema matematico e inserire il risultato. Ad esempio per 1+3, inserire 4.

Commenti