«I garage sono la spina dorsale del trasporto individuale»

Intervista con il CEO di ESA

«I garage sono la spina dorsale del trasporto individuale»

15 maggio 2024 agvs-upsa.ch – Giorgio Feitknecht è CEO di ESA dal 2017. In vista dell’Assemblea generale di ESA del 15 maggio, questo laureato in economia aziendale e manager logistico qualificato dà uno sguardo al passato e al futuro in un’intervista – e rivela perché il contatto intensivo con la base è una necessità. Timothy Pfannkuchen


Le magasin de vente au siège de l’ESA à Burgdorf BE. Photo : ESA

Giorgio Feitknecht, lei è in ESA dal 2011, prima come responsabile dei canali di distribuzione e da oltre sette anni come CEO. Guardando indietro, cosa è cambiato in particolare nell’industria automobilistica?
Giorgio Feitknecht: Negli ultimi dieci anni circa, l’ambiente è salito alla ribalta, sia a livello sociale che politico, e questo ha avuto un impatto fondamentale sull’industria automobilistica. A mio parere, questo è il cambiamento più importante. Per me, il fatto che le prime Tesla Model S siano state importate nel 2013 è rappresentativo di questa situazione – e già oggi, praticamente tutti i produttori offrono anche veicoli elettrici e ibridi. Dei circa 4,7 milioni di autovetture immatricolate, il 3,3 % è già costituito da veicoli elettrici puri; entro il 2023, la quota delle vendite di auto nuove sarà del 21 %. Con questo sviluppo, sono venuti alla ribalta temi importanti come la politica energetica e gli investimenti nelle infrastrutture, con conseguenze dirette per il settore delle officine. Le autofficine richiedono una gamma più ampia di competenze, sia in officina che nelle vendite, il che non facilita le cose in questi tempi di carenza di manodopera e di competenze. Il modo in cui la questione Comauto è stata promossa a livello politico è stato molto positivo. La trasformazione dell’attuale COMCO Comauto in un’ordinanza vincolante il 1° gennaio 2024 è stato un passo importante per l’industria automobilistica. In sintesi, sono stati anni molto movimentati e interessanti, che hanno posto sfide importanti all’intero settore e che continueranno a segnarci anche in futuro.







Giorgio Feitknecht è entrato a far parte dell'ESA nel 2011 ed è CEO dal 2017. Foto: ESA








Cosa pensa delle vendite di nuove auto e dei modelli di agenzia?
Le vendite di auto nuove durante gli anni del coronavirus hanno rappresentato un grande cambiamento. Le cifre si sono un po’ riprese nel 2023, ma non sono ancora al livello di prima della crisi sanitaria. È improbabile una ripresa completa nel 2024. I nuovi modelli di distribuzione sono un argomento che si ripresenta regolarmente. Sembrano esserci ancora molte domande senza risposta.

Quali sono, secondo lei, le maggiori opportunità e sfide che le officine svizzere devono affrontare oggi?
Le officine e le carrozzerie sono la spina dorsale del trasporto privato motorizzato in Svizzera! Senza di loro non può esistere la mobilità individuale. Dato che il numero di automobili in circolazione in Svizzera continuerà a crescere, ciò significa che la professione di officina è e rimarrà necessaria e indispensabile. Gli operatori che dispongono di personale qualificato, che sono aperti alla tecnologia, che aggiornano o sviluppano costantemente il loro know-how e che mantengono buoni rapporti a lungo termine con i loro clienti, continueranno a fare buon uso delle loro capacità anche in futuro. Le sfide sono quindi chiare: formazione e reclutamento di personale e specialisti, acquisizione di know-how specifico attraverso la formazione continua, buone relazioni con i clienti e una collaborazione leale e basata sulla partnership con i produttori di veicoli.

La stessa ESA ha investito molto nella digitalizzazione. È soddisfatto dei risultati?
La digitalizzazione è assolutamente fondamentale per un’azienda di commercio all’ingrosso come ESA. Per questo abbiamo investito molto in passato e continueremo a farlo in futuro. Nell’interfaccia con i nostri clienti, abbiamo costantemente sviluppato l’ESA-eShop in termini di tecnologia e funzionalità. Da anni funziona regolarmente, è molto apprezzato dai clienti ed è ampiamente utilizzato: l’80 % degli ordini di beni di consumo viene effettuato tramite l’eShop. Anche internamente dipendiamo da un’infrastruttura informatica ben funzionante, ad esempio per gestire i nostri processi logistici. Investiamo costantemente anche in questo settore, per continuare a migliorare l’efficienza e garantire che i nostri sistemi siano moderni, stabili e sicuri.

Nel 2022 ESA ha registrato vendite record. Com’è stato il 2023 e cosa riserva il futuro per l’aftermarket?
Alla prossima Assemblea generale di ESA saremo lieti di presentare un risultato positivo per il 2023, leggermente inferiore in termini di fatturato rispetto all’anno record del 2022. Questo lo dobbiamo in particolare al grande impegno dei nostri clienti e alla dedizione dei nostri collaboratori. Per quanto riguarda la sua domanda sul futuro del mercato post-vendita, come abbiamo già detto, il crescente parco auto svizzero necessita di manutenzione. Ciò significa che le officine e le carrozzerie continuano a svolgere un ruolo importante nei lavori di riparazione e manutenzione, con un impatto positivo anche sul mercato dei ricambi.

ESA offre concetti di officina come «Le Garage». È un mercato in crescita e perché?
ESA ha tre concetti di officina propri: Le Garage, Sympacar e Checkbox. Negli ultimi anni il numero di partner di tutti e tre i concetti è aumentato costantemente. Per le officine, i concetti di garage sono un modo eccellente per far conoscere all’esterno la loro competenza multimarca. Ciò aumenta l’utilizzo dell’officina e amplia il portafoglio clienti, a tutto vantaggio delle vendite. Ci aspettiamo quindi che questa tendenza positiva continui.

Nuove tecnologie e nuove case automobilistiche stanno trasformando il vostro settore. Ci sono nuove priorità nell’ampliamento della gamma, ad esempio a causa della mobilità elettrica o dei marchi automobilistici cinesi?
L’ampliamento della gamma è un processo continuo, assolutamente necessario per soddisfare le crescenti esigenze dei nostri clienti. La varietà di veicoli, modelli e tecnologie è in continua crescita. Dobbiamo essere in grado di continuare a fornire i veicoli più vecchi, aggiungendo al contempo nuovi articoli al catalogo.

A proposito di cambiamento: ESA, fondata nel 1930 da 24 proprietari di garage, è una cooperativa. Questa forma giuridica tradizionale e molto svizzera è ancora appropriata in questi tempi veloci?
Veloce e cooperativa: non è assolutamente un problema per ESA. Non ho mai visto la forma giuridica di una cooperativa come un vero ostacolo. La chiara regolamentazione delle responsabilità e delle competenze e la grande flessibilità delle autorità di ESA ci hanno sempre permesso di svolgere le attività alla velocità che avevamo previsto. Sono convinto che la cooperativa sia sempre stata e continuerà ad essere una forma giuridica molto appropriata e valida per l’ESA. Permette ai circa 7.000 comproprietari di mettere in comune i propri interessi individuali, di partecipare democraticamente al processo decisionale e di mantenere la propria libertà imprenditoriale.

Come si mantiene il contatto con la «base» quando si è CEO e si hanno 7000 comproprietari?
Considero il contatto con i comproprietari e i clienti di ESA molto importante, perché mi permette di imparare e di tenermi aggiornato su molte cose. In linea di massima, mantengo questo contatto in due modi: in primo luogo, ogni anno visito personalmente un gran numero di operatori di ogni tipo e dimensione in tutta la Svizzera. In secondo luogo, cerco di essere presente agli eventi di settore, dove incontro sempre imprenditori interessanti del settore garage e carrozzeria. Poi, naturalmente, ci sono gli eventi dell’ESA, come l’imminente Assemblea generale, che sono ottimi per fare rete. L’intenso contatto continuo, che è così importante, è mantenuto anche da molti altri collaboratori di ESA, come i responsabili regionali e i direttori.

Prima dell’Assemblea generale, può dirci quali sono le novità di ESA per quest’anno e per il prossimo?
La novità più importante per il 2024 sarà l’apertura dell’hotel per pneumatici a San Gallo. I lavori di costruzione procedono bene e a ottobre inizieremo a stoccare i pneumatici dei clienti che ci affidano le loro officine. L’hotel per pneumatici, situato in un terreno adiacente alla nuova sede, avrà una capacità di circa 40000 pneumatici. E l’ESA commissionerà sicuramente altri centri di questo tipo.
Feld für switchen des Galerietyps
Bildergalerie

Aggiungi commento

1 + 0 =
Risolvere questo semplice problema matematico e inserire il risultato. Ad esempio per 1+3, inserire 4.

Commenti