Il successo della mobilità elettrica passa per l’infrastruttura

Stop ai box con Nicolas Peter

Il successo della mobilità elettrica passa per l’infrastruttura

12 gennaio 2022 agvs-upsa.ch – Alcuni personaggi di spicco del ramo parlano di strategie e temi di attualità. Da oltre un decennio il gruppo BMW si occupa intensamente della ricarica dei veicoli elettrici e della necessaria infrastruttura di ricarica. Nicolas Peter, membro del CdA, spiega in un’intervista come BMW affronta il tema.   

artikelbild_2.jpg
Fonte: BMW-Group

Signor Peter, il gruppo BMW ha consegnato di recente il suo milionesimo veicolo elettrificato. Un aspetto inscindibile dalla diffusione della mobilità elettrica è l’infrastruttura per la ricarica. Qual è la sua opinione in merito?
Nicolas Peter, CFO di BMW e membro del CdA: Al momento l’infrastruttura di ricarica non tiene il passo con le vendite di veicoli elettrificati. Per questo motivo è assolutamente necessario che si sviluppi rapidamente, soprattutto nelle aree urbane densamente popolate e per le lunghe distanze. Anche la politica è chiamata in causa: l’esercizio dell’infrastruttura deve essere economicamente sostenibile, soprattutto nella fase di ampliamento, e possibilmente promosso. Chi installa una seconda colonnina di ricarica se la prima non copre i costi? A lungo termine, tuttavia, il mercato deve essere in grado di autoregolarsi nell’interesse del cliente. Ciò di cui abbiamo bisogno sono obiettivi chiari e sistemi di incentivazione. Ciò vale anche per i gestori di flotte e parchi veicoli, il cui passaggio alla mobilità elettrica dovrebbe essere incoraggiato.

Un aspetto spesso criticato della ricarica è la sua durata, molto maggiore rispetto al rifornimento di carburante. Cosa ne pensa?
La ricarica ha già un grande vantaggio in termini di comfort, dato che i nostri clienti possono farla a casa propria. Posso confermarglielo per esperienza personale. Guido da anni una BMW i3, che collego a casa alla mia Wallbox. Ogni mattina salgo su un veicolo carico. Per questo motivo offriamo ai nostri clienti diverse soluzioni di ricarica da casa, integrate da un servizio di installazione e una tariffa per l’energia verde. Da noi ottengono tutto da un unico fornitore.

artikelbild.jpg

In futuro creerete una rete di ricarica pubblica esclusiva per i suoi clienti? Altri produttori hanno già presentato i loro piani in merito.
Puntiamo sulle reti aperte. Questo è il modo più efficace per supportare l’avviamento e la disponibilità dell’infrastruttura per i nostri clienti. Allo stesso tempo, in questo modo è possibile raggiungere il carico essenziale per la redditività delle reti. Con la nostra adesione a Ionity (vedi riquadro) partecipiamo attivamente alla creazione di una rete di vendita pubblica.
 
Brevemente spiegato:
Ionity è la rete di ricarica rapida di BMW, fondata nel 2017 insieme ad altri costruttori. L’obiettivo è garantire la comodità d’uso della mobilità elettrica sulle lunghe distanze. Recentemente BMW ha ampliato ulteriormente il proprio impegno in Ionity, investendo 700 milioni di euro insieme agli attuali azionisti e al nuovo investitore BlackRock. Questo accelererà notevolmente lo sviluppo della rete di ricarica rapida. Nel 2025 la rete Ionity comprenderà circa 7000 punti di ricarica.
Feld für switchen des Galerietyps
Bildergalerie