Insieme contro gli ingorghi

Estensione delle strade nazionali

Insieme contro gli ingorghi

5 luglio 2024 agvs-upsa.ch - Il 24 novembre 2024, il popolo svizzero voterà sul potenziamento delle autostrade nazionali (STEP). I sei sottoprogetti sono destinati a eliminare le strozzature. In una conferenza stampa, i membri del comitato «Sì – garantire il futuro delle strade nazionali» hanno sottolineato l'importanza di un "sì" per alleggerire le città dal traffico di aggiramento. Le strade nazionali sono un pezzo importante del puzzle della rete di trasporto. Abbiamo bisogno sia della ferrovia che della strada.

artikelbild_konferenz_screenshot.jpgEnsemble pour le oui à l'extension des routes nationales: da sinistra a destra, il consigliere nazionale centrale Martin Candinas, il presidente centrale del TCS Peter Goetschi, il membro centrale del Consiglio degli Stati e presidente dell'Unione svizzera delle arti e dei mestieri (USAM) Fabio Regazzi, la consigliera nazionale SVP e imprenditrice Diana Gutjahr, il direttore generale del Centre-Patronal Christophe Reymond e il comandante dei vigili del fuoco professionisti Martin Karrer. Schermata: avanzare-insieme.ch
 

pd/tpf. "Tutti noi vogliamo andare avanti. La mobilità è una parte importante della nostra vita. Ci porta da A a B e viceversa. Porta le merci dove ne abbiamo bisogno. Ed è anche una forma di libertà che nel frattempo diamo quasi per scontata", ha dichiarato Fabio Regazzi, Presidente dell'Unione Svizzera delle Arti e dei Mestieri (USAM) e membro del Consiglio degli Stati del Ticino per la Svizzera Centrale, aprendo la conferenza stampa. "La mobilità ha bisogno di infrastrutture. Ferroviarie e stradali. Entrambe devono essere mantenute. Entrambi sono pezzi importanti nel puzzle della rete di trasporto svizzera", ha proseguito Regazzi. La manutenzione è finanziata indipendentemente dal bilancio ordinario della Confederazione. I finanziamenti per le strade nazionali provengono dal Fondo per le strade nazionali e il traffico d'agglomerato (FORTA), che viene pagato dagli utenti della strada. Ciò avviene, ad esempio, attraverso la vignetta autostradale, la tassa di circolazione e la sovrattassa sugli oli minerali.

STEP va anche a beneficio del trasporto pubblico

"Come presidente di Litra, il servizio di informazione sui trasporti pubblici, mi sono sempre impegnato a favore di infrastrutture di trasporto efficienti e di servizi di trasporto pubblico attraenti. Come per l'ampliamento della rete ferroviaria, sostengo quindi anche le fasi di ampliamento previste per la rete autostradale nazionale", ha dichiarato Martin Candinas, Consigliere nazionale per i Grigioni centrali. Dopo l'approvazione da parte del Parlamento, nella primavera di quest'anno, delle modifiche alla rete ferroviaria già approvate, è logico che anche la garanzia delle infrastrutture e l'ampliamento della rete autostradale nazionale vengano pianificati e realizzati a lungo termine. Ciò andrebbe a vantaggio anche del trasporto pubblico. Già oggi l'infrastruttura stradale, che trasporta gran parte del traffico passeggeri, è spesso sovraccarica e in futuro dovrà far fronte a volumi di traffico ancora maggiori. La maggior parte degli ingorghi si verifica nei centri abitati, dove si sovrappongono diverse modalità di trasporto. "Una rete autostradale nazionale ben funzionante può essere d'aiuto per il traffico di agglomerazione, in quanto evita il traffico di aggiramento verso le città e i villaggi, alleggerendo così il carico del trasporto pubblico su strada", ha spiegato Candinas.

Un adattamento urgente e necessario

L'eliminazione dei colli di bottiglia sulle autostrade nazionali è assolutamente necessaria per adattare le infrastrutture alle crescenti esigenze della Svizzera", ha dichiarato Christophe Reymond, direttore generale del Centre Patronal. Questo è particolarmente vero per la regione di Vaud-Ginevra, che sta vivendo una crescita demografica molto più forte rispetto al resto del Paese, ha aggiunto. "Sia per Vaud che per Ginevra, questo progetto è in realtà solo un aggiornamento, non uno sviluppo", ha detto Reymond. L'autostrada A1 tra Losanna e Ginevra è stata progettata negli anni Cinquanta. La popolazione della regione di Nyon è più che triplicata. "Sono poche le regioni svizzere che hanno registrato una tale crescita", ha dichiarato Reymond. Le esigenze di mobilità nella regione del Lago di Ginevra sono aumentate notevolmente. Ogni giorno 90.000 veicoli attraversano la regione, mentre la A1 tra Losanna e Ginevra è progettata per soli 20.000 veicoli. Se il progetto STEP venisse respinto, il numero di ingorghi esploderebbe. Inoltre, ciò danneggerebbe l'economia e, di conseguenza, molti posti di lavoro. L'aumento dei costi di trasporto comporterebbe anche un aumento dei prezzi dei prodotti. Il progetto su cui voteremo il 24 novembre riguarda quindi tutti noi, e dobbiamo votare un secco "sì"!

artikelbild_stau_autobahn_istock.jpgIngorghi: il numero di rallentamenti del traffico sulle strade nazionali continua ad aumentare. Foto: iStock


Strade nazionali efficienti

"Mentre le strade cantonali e comunali sono i piccoli e medi affluenti, l'autostrada è il fiume principale che assorbe, incanala e ridistribuisce la maggior parte del volume di traffico. Questo fa delle nostre autostrade una delle infrastrutture di trasporto più efficienti, se non la più efficiente", ha dichiarato il presidente centrale del Touring Club Svizzero (TCS), Peter Goetschi. L'efficienza della nostra rete stradale nazionale si riflette nel rapporto tra la sua lunghezza e il volume di traffico. "Sebbene le strade nazionali rappresentino appena il 3% della rete stradale, assorbono e convogliano il 45% di tutti i chilometri percorsi dai veicoli. E il trasporto merci percorre circa il 70% dei suoi chilometri sulle strade nazionali", spiega Goetschi. Lo sviluppo della rete autostradale nazionale è altamente mirato. La fase di pianificazione 2023 prevede sei progetti su tratti autostradali particolarmente trafficati. Tra questi, tre gallerie. Questo rende l'espansione molto efficiente in termini di superficie. A questo scopo verrebbero utilizzati otto ettari di terreno coltivato. "È l'equivalente di circa undici campi da calcio, che dovrebbero essere tutti compensati a favore dell'agricoltura".

Traffico pericoloso in tangenziale

La consigliera nazionale dell'UDC di Turgovia Diana Gutjahr ha sottolineato che non era presente alla conferenza stampa solo come imprenditrice di PMI e consigliera nazionale, ma anche come madre di un bambino. "Per il momento viviamo ancora in un quartiere tranquillo, ma anche a casa nostra assistiamo al fenomeno della 'corsia preferenziale': pendolari che hanno paura degli ingorghi sulle strade principali e li evitano". A suo avviso, le infrastrutture di trasporto hanno più di 60 anni e quindi non sono state progettate per le dimensioni e le esigenze della popolazione odierna. Il risultato sono gli ingorghi e l'aumento del traffico in tangenziale. L'anno scorso si sono verificate 48.800 ore di congestione, il 22,4% in più rispetto all'anno precedente. Gli ingorghi comportano costi elevati. "Se i nostri lavoratori sono bloccati negli ingorghi, non possono svolgere il loro lavoro. Solo sulle strade nazionali, gli ingorghi costano circa 1,2 miliardi di franchi all'anno. Ecco perché abbiamo urgentemente bisogno di un'eliminazione mirata dei colli di bottiglia", afferma Gutjahr con convinzione. L'esempio di Gubrist dimostra che nei sei mesi successivi all'apertura del terzo tunnel, il traffico sulle sezioni a valle della rete stradale, cioè sui percorsi alternativi, è diminuito fino al 20%. "Gli ingorghi sulle strade nazionali sono particolarmente dannosi per noi piccole imprese, perché non possiamo, ad esempio, passare facilmente al trasporto delle merci su rotaia e scaricare i costi che ne derivano in modo meno efficace rispetto alle grandi aziende".

Ingorghi, un rischio per la sicurezza

"Per le squadre di soccorso il tempo è fondamentale", ha dichiarato il comandante dei vigili del fuoco Martin Karrer. Se i servizi di emergenza sono bloccati in un ingorgo al loro arrivo, perdono molti minuti che potrebbero fare la differenza tra la vita e la morte. Sulle strade congestionate è difficile creare una via di fuga sufficientemente ampia. "Le strozzature, dove spesso si verificano ingorghi senza incidenti, rappresentano un duplice rischio per la sicurezza. Da un lato, ostacolano il passaggio delle squadre di soccorso e, dall'altro, sui tratti di strada congestionati si verifica un numero di incidenti superiore alla media", ha dichiarato Karrer. L'eliminazione dei colli di bottiglia, come la terza canna del tunnel di Gubrist, ha dimostrato che il rischio di incidenti può essere ridotto del 75%. In linea di principio, il rischio di incidenti sulle strade nazionali è relativamente basso rispetto al resto della rete stradale. "Sebbene le strade nazionali rappresentino il 41% del traffico stradale e il 74% del traffico merci, registrano solo il 14% degli incidenti", ha spiegato Karrer. Ciò significa che è molto importante, per ragioni di sicurezza, che il traffico rimanga sulle strade nazionali e non si sposti nelle località.

Ulteriori informazioni: avanzare-insieme.ch

 

Feld für switchen des Galerietyps
Bildergalerie

Aggiungi commento

2 + 4 =
Risolvere questo semplice problema matematico e inserire il risultato. Ad esempio per 1+3, inserire 4.

Commenti