In modo che anche i vecchi si sentano bene

Säntis Batterie AG con gli oli clas

In modo che anche i vecchi si sentano bene

30 aprile 2024 agvs-upsa.ch – In qualità di partner di assistenza Honda, il team del Garage Bressan di Arbon TG si occupa di modelli attuali ed elettronici, ma ha anche un debole per le auto d’epoca e classiche e può contare sulla competenza e sui prodotti di Säntis Batterie AG. Jürg A. Stettler


Il Garage Bressan di Arbon, in Turgovia, sta attualmente lavorando, tra l’altro, su una Lancia A112 Abarth.

L’officina di Reto Bressan, partner dell’assistenza Honda, si trova nella Seestrasse di Arbon TG, quasi sulla strada per la pittoresca località balneare di Buchhorn e l’omonimo campeggio sul Lago di Costanza. Sul retro dell’edificio industriale, si entra in un’azienda elegante e si viene accolti calorosamente. Perché la prima impressione conta. E anche la seconda è proprio qui! Lo stesso vale per l’ordinata officina, dove quattro postazioni sono impegnate a lavorare sui veicoli dei clienti. A sinistra c’è una BMW M3 (E30) con il leggendario motore M-Power, mentre di fronte si lavora su una vecchia Honda. «Se un meccanico capisce come regolare la fasatura variabile delle valvole su una Honda Prelude dei primi anni ’90 o come sostituire la cinghia di distribuzione, può lavorare anche su una Ferrari 308», dice Reto Bressan, proprietario dell’officina UPSA.

Una sfida economica
Il 53enne vorrebbe lavorare di più sulle auto d’epoca, ma la gestione quotidiana dell’officina non lo consente. «Sono un lavoratore autonomo da 26 anni, e questo non sarebbe possibile senza mia moglie Jsabelle, che si occupa perfettamente di tutte le questioni commerciali», aggiunge Bressan. Lavorare su auto d’epoca e classiche è anche una sfida economica. «A una normale tariffa oraria, per molte auto non ne vale la pena». Un buon esempio è la Lancia A112 Abarth, che si trova sull’ascensore del garage di Arbon e sulla quale Kerem Türk può smontare l’impianto di scarico e l’asse posteriore. «Il veicolo proviene originariamente da un altro cantone, dove aveva lo status di veterano», spiega Bressan, indicando varie aree critiche nel sottoscocca. «Ma la Lancia difficilmente otterrà questo in Turgovia. Al momento, si tratta solo di prepararla in modo da poterla sottoporre alla MFK».

Se si volesse restaurare la Lancia «come si deve», si dovrebbe spendere molto denaro. Troppi soldi. «È questo il problema delle auto d’epoca e classiche: il basso valore di mercato. La sostituzione parziale è l’ultimo dei problemi. Un restauro serio richiede tempo e denaro». Per questo motivo, di solito, vale la pena di farlo solo per i veicoli speciali o per quelli che hanno un valore sentimentale molto alto per il proprietario. «Per noi, i veicoli vecchi e giovani sono un’attività aggiuntiva interessante nella bassa stagione, da gennaio a marzo, o in agosto e settembre. È in questi momenti che si ha più tempo a disposizione, oltre all’attività quotidiana, e lo spazio necessario in officina», afferma Reto Bressan. E sottolinea: «Le auto d’epoca hanno sicuramente un potenziale, dato che di solito qui nella regione c’è più di un modello vecchio nel parcheggio sotterraneo del cliente».


Il garagista dell’UPSA Reto Bressan con uno degli oli speciali monogradi in uno speciale contenitore vintage di Rowe Oil.

Una gamma completa di oli classici
L’esperto meccanico dell’officina UPSA ha quindi acquisito anche le necessarie conoscenze in materia di oli, poiché i moderni oli multigradi sono velenosi per le auto d’epoca. È inoltre importante verificare se il motore è già stato revisionato o se è ancora sporco. Bressan è felice di avere Daniel Eggmann, Operations and Sales Manager di Säntis Batterie AG, come fornitore e persona di riferimento per l’olio.

Tra i due si sviluppa rapidamente una discussione per stabilire se la scelta migliore per una determinata auto d’epoca sia l’olio motore monogrado non legato o l’olio multigrado leggermente legato con alcuni additivi per la pulizia. «Abbiamo un’ampia gamma di oli classici per motori e cambi. Per i collezionisti c’è anche uno speciale contenitore d’epoca, se questo è importante per voi», spiega Eggmann, mostrando il contenitore bianco da cinque litri di olio 20 W-50 con la scritta Cobra. Oltre a tutti i cambi e a 40 oli motore diversi, Säntis Batterie AG ha anche una gamma completa di batterie di avviamento, sia a secco che a umido.


Il partner di assistenza Honda Reto Bressan (a sinistra) discute la scelta ideale dell’olio con Daniel Eggmann, Operations and Sales Manager di Säntis Batterie AG. Foto: UPSA Media

Come gestire il cambiamento delle omologazioni dell’olio
Daniel Eggmann ha anche un consiglio su un’altra questione che sta attualmente causando grattacapi al proprietario dell’officina con sede in Turgovia. Il Gruppo PSA ha recentemente apportato una modifica alle omologazioni degli oli: Invece di 0 W-20, ora dovrebbe essere nuovamente 5 W-30. «Fate attenzione al volume e ordinate un contenitore più piccolo», consiglia il 58enne Eggmann, che aggiunge: «Il nostro armadietto di fabbrica per i lubrificanti è ideale per conservare tutto in modo ordinato. Con i nostri oli, spesso dobbiamo fornire soluzioni alle sfide tecniche che i costruttori affrontano quotidianamente, in modo che possano a loro volta registrare valori di consumo bassi.» Il titolare dell’officina Bressan aggiunge, scuotendo la testa: «Poi una cosa viene semplicemente decisa da una sede aziendale e noi come officina dobbiamo attuarla, ma magari abbiamo appena ordinato l’altro olio». Nel caso delle auto ibride, ad esempio, i concentrati di antigelo sono cambiati e non possono più essere conduttivi. Non è sempre facile per il meccanico dell’officina UPSA, soprattutto quando si tratta di assistere altre marche.

Per il partner di lunga data di Honda, non è importante solo la consulenza, le informazioni chiaramente definite sulle approvazioni, le specifiche e le raccomandazioni del produttore tedesco di lubrificanti Rowe Oil, ma anche l’idoneità ibrida degli oli e dei nuovi concentrati antigelo. «La gamma è perfetta e abbiamo avuto ottime esperienze con Rowe Oil anche sotto altri aspetti. Quando controlliamo i livelli dell’olio, spesso non c’è quasi nessuna perdita di olio», dice Bressan. E per le viscosità più elevate, raccomanda di lavorare con gli additivi giusti. Eggmann è subito d’accordo con lui: «L’uso degli additivi giusti di tanto in tanto, o almeno durante la manutenzione, è estremamente importante e ripaga». Proprio come un referente competente, sia per gli oli che per altri prodotti. E Reto Bressan lo ha trovato in Daniel Eggmann di Säntis Batterie AG.
Feld für switchen des Galerietyps
Bildergalerie

Aggiungi commento

7 + 0 =
Risolvere questo semplice problema matematico e inserire il risultato. Ad esempio per 1+3, inserire 4.

Commenti