Un'attenta considerazione è d'obbligo

Ispettorato ambientale

Un'attenta considerazione è d'obbligo

31 maggio 2023 agvs-upsa.ch – Il Paese ha bisogno di nuovi ispettori: a metà aprile, i nuovi ispettori dell'Ispettorato ambientale (IE) dell'UPSA sono stati formati a Berna. Accompagnando un gruppo, abbiamo scoperto a cosa devono prestare maggiore attenzione gli occhi esperti.

inhalt_03_920px.jpg
Ogni dettaglio è importante: Beat Stauffer, responsabile del corso, spiega come conservare in modo sicuro ed ecologico.

ysc. Il gruppo è ancora un po' confuso riguardo ai tombini. Almeno la maggior parte di loro lo è. Durante questi due giorni, la maggior parte dei futuri ispettori in formazione presso l'Ispettorato ambientale (EI) guarda per la prima volta i separatori di oli minerali e i bacini di raccolta. «Per alcuni, visitare un'officina è più emozionante che per chi ha già visto decine di pozzi», dice Beat Stauffer. Stauffer lavora per Entsorgung + Recycling Zürich (ERZ), dove è responsabile della protezione delle acque. Solo nella città di Limmatstadt ci sono circa 1.500 aziende che si occupano di acque reflue. Durante i due giorni di aprile a Berna, ha guidato la formazione EI, che consisteva in una parte teorica e una pratica. I corsisti sono stati divisi in due gruppi, uno di lingua tedesca e l'altro di lingua francese e ticinese.

Oggi la parte pratica. Corso di osservazione presso la Emil Frey Berne di Ostermundigen (BE): una «azienda di punta», secondo Stauffer. Una dozzina di candidati si sono riuniti nel cortile del grande garage in una giornata piuttosto fresca per il mese di aprile. Beat Stauffer apre tre pozzetti uno dopo l'altro. Ci sono separatori di oli minerali, raccoglitori di fanghi e serbatoi di stoccaggio. Questi sistemi raccolgono le acque reflue provenienti principalmente dalla pulizia del motore e del telaio: ogni serbatoio ha una sua funzione. Il raccoglitore di fanghi trattiene le particelle di sabbia e fango, mentre le acque reflue contenenti idrocarburi vengono pre-pulite prima di passare al separatore di oli minerali.

Dal serbatoio di stoccaggio, le acque reflue vengono pompate in un impianto di frazionamento per rimuovere l'olio rimanente e le particelle fini. Beat Stauffer prende una sonda e la spinge nel pozzo fino a toccare il fondo. Poi agita leggermente per controllare il volume di fango nella trappola di sabbia. «Vedete: qui non troviamo fango perché il collettore viene pulito regolarmente. Non sarà così ovunque. Ci saranno situazioni in cui la sonda si bloccherà a causa del terreno fangoso».
 

Tutti i pozzi vengono ispezionati
Qui, però, tutto è a posto, anche il sottile strato di olio nel separatore di oli minerali è normale. «Ovviamente non abbiamo a che fare con acqua potabile», spiega Beat Stauffer. "Ma si tratta di acque reflue pretrattate che, dopo la separazione, possono arrivare senza problemi all'impianto di depurazione. I garage devono essere svuotati secondo le linee guida. «Come controllore dell'IE, esamino tutti i pozzi: devono essere a tenuta stagna e non fangosi.» Non è auspicabile nemmeno la presenza di troppo olio nel separatore di oli minerali. Le auto di oggi tendono a versare meno olio nei pozzetti rispetto al passato, dice Stauffer. Il motivo è semplice: consumano molto meno olio rispetto a 20 o 30 anni fa. L'Ispettorato ambientale dell'UPSA (IE) è stato istituito nel 1999 in stretta collaborazione tra l'UPSA e i cantoni di Argovia, Soletta, San Gallo e Zurigo. L'Ispettorato è responsabile dell'amministrazione, mentre le ispezioni vere e proprie vengono effettuate da aziende appaltatrici, come le aziende chimiche. In totale, circa 120 persone sono autorizzate a svolgere ispezioni e più di 70 aziende possono effettuare ispezioni. Le ispezioni vengono effettuate in particolare dalle aziende di riparazione auto, dalle carrozzerie, dalle officine di verniciatura e dalle aziende di macchine edili, ma anche dalle officine cantonali e comunali. Con quale frequenza gli ispettori si recano sul campo? Secondo Beat Stauffer, dipende dalla situazione. «In alcuni casi è necessario dare un'occhiata più da vicino. L'intervallo abituale per le visite dell'Ispettorato ambientale è di tre anni. Nel frattempo, il gruppo di tirocinanti si è trasferito in officina. Qui si stanno eseguendo pompaggi e avvitamenti: si sente il rumore di un martinetto. Beat Stauffer si ferma davanti al magazzino che contiene liquidi pericolosi per l'acqua. Questi fusti qui», dice alzando la voce, «sono conservati in modo adeguato. Se un fusto perde o viene danneggiato, il liquido che fuoriesce può essere trattenuto con un collettore». Indica la griglia a terra, che fissa il bacino di raccolta sottostante. Il messaggio della visita è chiaro: è tutta una questione di sicurezza. Deve essere garantita nell'interesse dell'ambiente e, naturalmente, del personale.

Ma cosa succede effettivamente con le officine e le aziende di macchine agricole in crisi? «Ogni ispettore scrive un rapporto all'Ispettorato ambientale che, in caso di gravi carenze, lo trasmette all'autorità competente. Se necessario, l'autorità si reca sul posto», spiega lo specialista ERZ Stauffer. «Emettiamo obblighi, in casi estremi l'azienda viene denunciata. Alcuni clienti sono più difficili, ma nel complesso va tutto bene». Tuttavia, Beat Stauffer afferma di non poter fare generalizzazioni.

Dopo quasi un'ora e mezza, la visita è terminata. Alla fine del corso di formazione di due giorni, i futuri ispettori EI devono sostenere un esame teorico e pratico. «Il gruppo svolge quest'ultima parte del corso in un garage riconvertito, che è stato deliberatamente pieno di difetti. Fortunatamente, quasi tutti passano», dice Beat Stauffer, scuotendo la testa soddisfatto. «L'anno scorso, per esempio, i risultati sono stati eccellenti». Da questo momento in poi, i controllori designati sono pronti a intervenire, sapendo che non troveranno ovunque condizioni impeccabili come quelle dell'Emil Frey Bern. Altrimenti sarebbe troppo facile.


torna su
 
Feld für switchen des Galerietyps
Bildergalerie

Aggiungi commento

5 + 5 =
Risolvere questo semplice problema matematico e inserire il risultato. Ad esempio per 1+3, inserire 4.

Commenti