Dare gomma per più sicurezza

50 anni di test sui pneumatici TCS

Dare gomma per più sicurezza

12 settembre 2023 agvs-upsa.ch – Che si tratti di pneumatici estivi o invernali, il TCS testa la gomma dal 1973. Da allora sono cambiate molte cose, non solo nella gamma di pneumatici, che oggi è molto complessa anche per i proprietari di garage. L’esperto del TCS Reto Blättler ricorda e dà una prima anticipazione del prossimo test sui pneumatici invernali. Jürg A. Stettler


Reto Blättler, Project Manager Test Pneumatici del TCS. Fotos: ADAC

«Sì, le persone «normali» pensano ai pneumatici invernali in autunno o a quelli estivi in primavera. Ma noi la pensiamo diversamente», dice ridendo Reto Blättler, Tyre Test Project Manager del TCS. «In inverno, praticamente sono già tornato all’estate e sto testando i prossimi pneumatici estivi». Da 50 anni il TCS, insieme all’ADAC tedesca e all’ÖAMTC austriaca, fornisce importanti indicazioni ai clienti finali e ai proprietari di garage attraverso test completi sui pneumatici.

Tutto è iniziato 50 anni fa a Vizzola
I test congiunti sui pneumatici sono iniziati nel 1973 sulla pista di prova Pirelli di Vizzola, in Italia. All’inizio, i test sui pneumatici invernali non si svolgevano nell’estremo nord. Era comunque sufficiente recarsi al pittoresco Lac de Champex VS e mettere alla prova i primi pneumatici cinturati con marcatura M+S sul lago ghiacciato a 1467 m di altitudine. ABS o ESP? Non esistevano ancora. Quando si determinava lo spazio di frenata da 100 km/h – un criterio ancora oggi valido – c’erano sicuramente momenti in cui i freni slittavano. «Per mantenere il veicolo stabile nella sua corsia, i circuiti dei freni dell’asse posteriore venivano disattivati», spiega Blättler svelando i trucchi dei suoi colleghi. Hanno dovuto arrangiarsi con strumenti di misura che oggi sembrano antichi. Oltre al metro, al cronometro e al dinamometro, la leggendaria ruota Peiseler veniva utilizzata come quinta ruota dell’auto per misurare la velocità di guida.


Scena degli inizi del test dei pneumatici 50 anni fa; all’epoca venivano testati i pneumatici per tutte le stagioni. 

L’ABS come cambiamento di rotta per i test sui pneumatici
Nel 1980, Goodyear lanciò AllWeather, il primo pneumatico per tutte le stagioni con etichetta M&S. Inoltre, i test sui pneumatici estivi furono trasferiti al Contidrom vicino ad Hannover (Germania), dove ancora oggi si svolgono i test metrologici essenziali e le prove di maneggevolezza sul bagnato. Nel 1982, Michelin lanciò l’XM+S100, il primo pneumatico invernale a lamelle serio per i test, una tecnologia che si sarebbe dimostrata valida su neve e ghiaccio. Blättler spiega: «Dal 1996 in poi, le misurazioni sono state effettuate con l’ABS. Questo ha cambiato completamente il test sui pneumatici; ora, grazie alla mancanza di piastre frenanti, è possibile effettuare diversi test con un unico set di pneumatici». Il test sui pneumatici invernali 2014 ha messo a dura prova l’equipaggio di Ulrichen VS. «Prima non c’era, poi c’era troppa neve, poi faceva troppo caldo», spiega Blättler, che quindi dal 2016 deve fare percorsi più lunghi con i suoi colleghi di test. Da allora, i test sui pneumatici invernali si sono svolti nel nord della Finlandia, compresa la 50ª edizione. «Non posso rivelare i risultati fino all’edizione di ottobre», dice l’esperto del TCS. Almeno non deve più inserire i valori misurati su una cartellina con le dita sudate e calcolarli a mano, come faceva nei primi 25 anni, ma può contare su sistemi digitali e su aiuti come le registrazioni dei data logger di navigazione inerziale.
Feld für switchen des Galerietyps
Bildergalerie

Aggiungi commento

7 + 3 =
Risolvere questo semplice problema matematico e inserire il risultato. Ad esempio per 1+3, inserire 4.

Commenti