Criteri killer per il passaggio alle auto elettriche

«Swiss Mobility Monitor 2023»

Criteri killer per il passaggio alle auto elettriche

10 maggio 2023, agvs-upsa.ch – Il prezzo d'acquisto elevato, le poche opzioni di ricarica e l'ansia da autonomia sono stati considerati criteri killer per il passaggio alle auto elettriche. Ecco il vero motivo.

artikel_1.jpgPhoto: Honda

pd/jas. Per la seconda volta, l'Università di Lucerna, insieme ai partner di studio Autoscout24, Zurich Insurance e l'Università di San Gallo (HSG), ha condotto lo «Swiss Mobility Monitor». Lo studio analizza quanto la popolazione sia aperta a nuove forme di mobilità come la mobilità elettrica, il car sharing o l'acquisto di auto digitali e quanto sia diffuso il loro utilizzo. I risultati possono essere utilizzati anche dai proprietari di autofficine per i prossimi colloqui di vendita e consulenza o per i consigli sulla mobilità. Lo studio di quest'anno mostra soprattutto che il passaggio a un'auto elettrica non è tanto una questione di denaro o di autonomia, quanto piuttosto di infrastruttura di ricarica a casa - e questo a livello generazionale.

artikel_anzahl-e-autos.jpgPer molto tempo, le auto elettriche sono state troppo costose per molti
Dieci anni fa, l'auto elettrica era ancora un prodotto di nicchia: poca autonomia, poche stazioni di ricarica. Allo stesso tempo, per acquistare un'auto elettrica bisognava scavare a fondo nelle proprie tasche. Secondo un'analisi della piattaforma online Autoscout24, ad esempio, nel 2018 una nuova Tesla Model 3 costava in media 79.054 franchi. Si tratta di circa il 20% in più rispetto al 2022 (60.967 franchi). Nel 2013 si potevano addirittura spendere ben oltre 50.000 franchi per una BMW i3 con un misero 22 kWh. «Oltre al fatto che all'inizio le persone non avevano alcun contatto con questa tecnologia, fattori come il prezzo e l'autonomia hanno dissuaso molti dall'acquistare un'auto elettrica negli ultimi anni», spiega Alberto Sanz de Lama, direttore generale di Autoscout24. Nel frattempo, però, questi non sono più i motivi principali, come dimostra la valutazione dello «Swiss Mobility Monitor 2023».

artikel_alberto_sanz.jpgAlberto Sanz de Lama, direttore generale di Autoscout24. Foto: Autoscout24

Prezzi bassi importanti per la Generazione Z
A differenza dell'opzione di ricarica a casa, gli altri aspetti a favore o contro il passaggio a un'auto elettrica sono stati valutati in modo diverso. Oltre alla possibilità di ricarica a casa, la Generazione Z ritiene quasi altrettanto importante un prezzo più conveniente. Reto Hofstetter, responsabile dello studio presso l'Università di Lucerna, non è affatto sorpreso: «L'acquisto di un'auto è di solito il secondo investimento più costoso nella vita dopo l'acquisto di un immobile. Quindi, prima di potersi permettere un'auto elettrica, è necessario avere una certa quantità di risparmi. Questo prerequisito di solito non è dato dalla Generazione Z». Per la Generazione Z, questo aspetto è seguito da quello dell'autonomia e di una migliore infrastruttura di ricarica pubblica.

Le generazioni Y, X e i baby boomer, invece, ritengono che una migliore infrastruttura di ricarica pubblica sia il secondo motivo più importante per cambiare auto dopo la possibilità di ricarica a casa. Anche la maggiore autonomia è considerata quasi altrettanto importante. I prezzi più bassi sono meno importanti: I baby boomer hanno la minore sensibilità ai prezzi.
artikel-aspekte-umstieg.jpgInfrastruttura di ricarica e fornitura di autovetture in regola
Le stazioni di ricarica pubbliche stanno diventando sempre più numerose in Svizzera: il loro numero è aumentato del 29% nel 2022 rispetto all'anno precedente (più 556 punti di ricarica). Ma anche dal punto di vista dell'offerta, la quota di mercato delle e-car completamente elettrificate tra le auto nuove è aumentata costantemente, raggiungendo il 17,8% nel 2022 secondo Auto-Schweiz. Ciò significa che le nuove immatricolazioni di auto elettriche sono raddoppiate nel giro di due anni.

artikel_luzerner.jpgReto Hofstetter, responsabile degli studi presso l'Università di Lucerna. Foto: Autoscout24

Su Autoscout24 una vettura nuova su sei è un'auto elettrica
La carenza di semiconduttori e i ritardi nelle consegne hanno influito soprattutto sulla produzione di nuove auto elettriche negli ultimi due anni. Tuttavia, la situazione delle consegne sta lentamente migliorando, con effetti positivi anche sull'offerta di nuove auto elettriche su Autoscout24. Dal luglio 2022, l'offerta è tornata a crescere: nel primo trimestre del 2023, circa 7300 nuovi veicoli completamente elettrici sono stati pubblicizzati sulla piattaforma online. Ciò significa che un'auto nuova su Autoscout24 ogni sei è un'auto elettrica. Le cinque nuove auto elettriche più pubblicizzate nel primo trimestre del 2023 sono state la Fiat 500, la Hyundai Ioniq 5, la VW ID.4, la Renault Mégane e la Volvo XC40.
artikel-hauptgrund.jpgI marchi elettronici di lusso dominano il mercato delle auto usate
Non solo il segmento delle auto nuove è sempre più in mano all'elettrico, ma anche il mercato dell'usato sta lentamente ma inesorabilmente vivendo un e-boom. Con l'aumento del numero di auto elettriche nuove, aumenta anche l'offerta di auto elettriche usate. Anche se l'offerta è ancora gestibile e nel primo trimestre del 2023 rappresentava solo il 4% di tutte le auto usate pubblicizzate su Autoscout24, sta diventando sempre più ampia e variegata. Se si osserva più da vicino l'offerta su Autoscout24, si scopre che tra le circa 10.000 e-car usate pubblicizzate si trovano soprattutto «marchi di lusso». Così, le cinque auto elettriche usate più pubblicizzate nel primo trimestre del 2023 sono state la Tesla Model 3, l'Audi E-Tron, la Skoda Enyaq, la Tesla Model S e la BMW i3.

artikel_fiat.jpgFoto: Stellantis

La Fiat 500 è l'auto elettrica più ricercata
Anche dal punto di vista della domanda, l'interesse per le auto elettriche è in aumento. In due anni, le ricerche di auto elettriche su Autoscout24 sono più che triplicate. Nella classifica delle auto elettriche più ricercate, la Fiat 500 è di gran lunga al primo posto. Con circa la metà delle ricerche, la Hyundai Kona segue al secondo posto. Al terzo posto si trova la Volvo XC40, seguita dalla Renault Mégane e dalla Peugeot 208.

La mancanza del diritto di ricarica impedisce il passaggio all'e-switching
Nonostante una migliore infrastruttura di ricarica pubblica, una gamma più ampia di veicoli e una grande popolarità per le auto elettriche, la Svizzera non è in cima alla classifica europea per quanto riguarda la mobilità elettrica. Alberto Sanz de Lama spiega: «La Svizzera non ha misure di promozione a livello nazionale per l'acquisto di un'auto elettrica. Ogni cantone, comune o città regolamenta la materia in modo diverso. Inoltre, bisogna considerare che la Svizzera è un Paese di affittuari. E per loro, attualmente, non esiste il diritto di ricaricare a casa. In molti casi, non sono liberi di decidere se installare o meno una stazione di ricarica, ma devono sperare nella buona volontà dei proprietari. Per lui è chiaro che senza una strategia convincente per le stazioni di ricarica private, lo scetticismo di molti svizzeri probabilmente rimarrà e il passaggio completo alla mobilità elettrica richiederà più tempo.
Feld für switchen des Galerietyps
Bildergalerie

Aggiungi commento

17 + 2 =
Risolvere questo semplice problema matematico e inserire il risultato. Ad esempio per 1+3, inserire 4.

Commenti