Da scalda scaffali a mainstream

Occasioni di auto elettriche

Da scalda scaffali a mainstream

9 giugno 2023 agvs-upsa.ch – Per molto tempo le auto elettriche sono state considerate veicoli di seconda mano poco amati. La situazione sta cambiando, come dimostra un'analisi di Auto-i-Dat: I valori residui stanno convergendo con quelli dei motori a combustione. Chiediamo agli esperti come si sta sviluppando il mercato dell'usato, cosa ne sarà delle auto a combustione e cosa i proprietari di garage devono sapere ora.


Le cifre non mentono: l'andamento dei prezzi del nuovo e dei valori residui per tipo di autovettura (in franchi svizzeri; data di stacco in ogni caso 1° maggio; valori residui usati dopo 48 mesi e 60.000 chilometri). Grafico: Auto-i-Dat

tpf. Contrariamente a tutte le profezie di sventura, la mobilità elettrica è arrivata anche sul mercato dell’usato: Un’analisi di Auto-i-Dat, leader nel mercato dei dati sui veicoli, mostra che i valori residui stanno convergendo con quelli dei motori a combustione. Tuttavia, l’elevato livello di vendite di seconda mano sta generalmente rallentando: Per il resto dell’anno si prevede una «leggera tendenza al ribasso». Ne parliamo con René Mitteregger, Responsabile Gestione Prodotti Auto-i-Dat, e Azren Rastoder, Responsabile Editoriale Auto-i-Dat.


René Mitteregger, responsabile del Product Management di Auto-i-Dat (a sinistra) e Azren Rastoder, responsabile editoriale di Auto-i-Dat.

Signor Mitteregger e signor Rastoder, perché i valori residui delle e-car sono simili a quelli dei motori a combustione?
René Mitteregger: Da un lato, questo allineamento ha a che fare con la maggiore accettazione dei veicoli elettrici. Sulla base delle esperienze precedenti, i clienti ora si fidano del fatto che una batteria possa avere una lunga durata. Dall'altro lato, ci sono più modelli e i veicoli elettrici sono diventati accessibili.
Azren Rastoder: Il mercato di massa delle auto elettriche sta emergendo da due o tre anni. Non solo per la maggiore autonomia, ma anche per la maggiore velocità di ricarica, è aumentata l'accettazione e la disponibilità ad acquistare un'auto elettrica usata. Diciamo che i prezzi non li facciamo noi, ma gli operatori di mercato...

... e voi li analizzate. Vi capita mai di sentirvi accusare che i vostri valori residui sono «sbagliati»?
Azren Rastoder: Succede, ma a posteriori di solito ammettono che avevamo ragione. Se fosse stato per alcuni operatori di mercato, i valori residui delle e-car sarebbero stati così alti come lo sono oggi per cinque o sei anni.
René Mitteregger: A differenza di molti altri, ci aspettavamo questo sviluppo. Di solito le nuove tecnologie arrivano prima nei veicoli costosi. Inizialmente molte auto elettriche superavano i 100.000 franchi: i valori residui dei veicoli più costosi scendono sempre più rapidamente di quelli della classe media. Ora le auto elettriche sono più accessibili, quindi i valori residui sono più stabili.

Questo non significa, al contrario, che le auto a combustione stanno perdendo valore residuo?
René Mitteregger: No, il motore a combustione non perde improvvisamente in modo esorbitante – all'epoca, con lo scandalo del diesel, ci fu solo una breve curva. Possiamo anche immaginarlo: Se entrerà in vigore il divieto UE sui motori a combustione interna, il motore a combustione interna potrebbe guadagnare terreno tra dieci o dodici anni. Ma per il momento i valori residui non si discosteranno molto.
Azren Rastoder: Dipende anche dallo sviluppo. A medio termine, chiunque possa ricaricare a casa avrà un'auto elettrica. Due terzi delle persone non sono ancora in grado di farlo, e a medio termine questa situazione non cambierà nella nostra terra di affittuari. In questo senso, le auto a combustione interna rimarranno probabilmente richieste.

Tesla ha abbassato il prezzo delle nuove auto di 10.000 franchi in alcuni casi. Cosa comporta questo per le auto Tesla?
René Mitteregger:
Tesla è un caso particolare e ha trasformato un problema in una virtù: Tesla non ha potuto consegnare all'inizio, ha raccolto ordini – e ha portato molte auto in poco tempo. Ma ha anche ricomprato le auto e le ha esportate in Paesi con sovvenzioni. Questo ha aumentato il valore residuo delle Tesla rimaste. Ora i valori residui stanno scendendo: con un prezzo del nuovo così basso, nessuno compra l'auto di seconda mano vecchia di un anno, ma quella nuova.
Azren Rastoder: Prima soffrono le auto dimostrative, poi la reazione a catena continua. È importante ricordare che le varianti più vendute non hanno subito alcun ribasso in aprile, dopo l'adeguamento dei prezzi meno severo per tutte le Tesla in febbraio. I produttori affermati sono molto più cauti, mentre Tesla spinge. Dopotutto, ora ci sono alternative, quindi Tesla non può più fissare i prezzi.

Che ne sarà delle altre alternative, come le ibride plug-in, le auto a gas o a idrogeno?
René Mitteregger: Ogni forma di propulsione ha il suo campo di applicazione. L'ibrido plug-in continuerà a essere richiesto. I veicoli a metano non sono mai stati molto richiesti, anche perché sono più costosi da acquistare rispetto alle auto a benzina: i valori residui sono simili a quelli dei motori a combustione interna. Non esiste un'infrastruttura per l'idrogeno, quindi rimarranno prodotti di nicchia.

Per i proprietari di garage, i veicoli di seconda mano sono a volte una benedizione, a volte una maledizione, a seconda della situazione del mercato. Ci sono errori tipici?
René Mitteregger: Spesso le auto di seconda mano vengono scambiate a prezzi troppo alti. L'errore classico è quello di prendere come riferimento i prezzi delle borse di Internet. Quasi nessuna auto viene venduta al prezzo pubblicizzato. I prezzi di transazione – i prezzi effettivamente raggiunti, come dimostrano i nostri prodotti - sono molto più affidabili. Osserviamo le singole auto di seconda mano: Se sono troppo alti, rimangono in piedi finché non diventano più convenienti. È necessario tenere d'occhio anche i tempi di fermo. È necessario tenere conto dei margini di rischio, ad esempio per i cambiamenti di mercato determinati dalle flotte.

Che influenza hanno i veicoli della flotta?
Azren Rastoder: Se 200 VW Passat vengono immesse sul mercato in un colpo solo, questo non solo metterà sotto pressione i valori residui della Passat, ma anche l'intero segmento, cioè la Skoda Octavia a prezzo simile o anche la più economica Renault Megane.

C'è ora la minaccia di un minimo di auto usate dopo il massimo di auto usate e come dovrebbero reagire i proprietari di autofficine?
René Mitteregger: Se avete acquistato auto di seconda mano a qualsiasi prezzo, dovreste smettere. Dovreste acquistare con attenzione e poi sarete dalla parte del vincitore. Non ci saranno battute d'arresto improvvise perché c'è ancora un eccesso di domanda. Ma il livello dei prezzi si normalizzerà dolcemente entro il 2024.
Azren Rastoder: Questo anche perché la situazione dell'offerta di auto nuove è migliorata, ma non ancora completamente recuperata. Per quanto riguarda le auto di seconda mano, questo è l'ideale per i proprietari di garage perché possono abituarsi lentamente al nuovo livello. E prepararsi evitando di acquistare auto pubblicizzate troppo in alto.
Feld für switchen des Galerietyps
Bildergalerie

Aggiungi commento

3 + 7 =
Risolvere questo semplice problema matematico e inserire il risultato. Ad esempio per 1+3, inserire 4.

Commenti