«Sono contrario alle quote»

Magdalena Martullo-Blocher

«Sono contrario alle quote»

11 maggio 2023 agvs-upsa.ch – Magdalena Martullo-Blocher è un'imprenditrice di successo e una politica che ama i messaggi chiari. Abbiamo chiesto loro sulla nuova legge sul clima, su come vede il futuro dell'elettricità e sul perché pensa che le case automobilistiche cinesi abbiano superato quelle europee.

martullo-blocher_inhalt_02_920px.jpgMagdalena Martullo-Blocher: la donna di potere si ricandida a Consigliere nazionale. Foto: EMS

srh. Signora Martullo-Blocher, i politici e i produttori europei sembrano essere unanimi: solo la mobilità elettrica può salvare il clima. Lei è d'accordo?
Magdalena Martullo-Blocher: Oggi i combustibili fossili (petrolio, benzina, diesel, carbone e gas) rappresentano oltre il 60% del consumo energetico in Svizzera! Nell'UE, oltre il 40% dell'elettricità proviene da centrali a carbone e a gas. In Svizzera produciamo principalmente elettricità da energia idroelettrica e nucleare, ma in inverno dobbiamo importare elettricità da combustibili fossili e, in caso di emergenza, produrla dalle nostre centrali a gas e a petrolio, come a Birr. In futuro, questa carenza di elettricità aumenterà notevolmente. Il Consiglio federale ha decretato che i veicoli elettrici non possono più essere caricati in caso di carenza di elettricità. A cosa serve un'auto o un camion elettrico senza elettricità? Senza combustibili fossili e senza energia nucleare, avremmo bisogno di 3.000 grandi centrali solari o di 5.000 parchi eolici nelle Alpi, ma se non ci fosse il vento o il sole, non avremmo comunque elettricità.

Cosa pensa della legge svizzera sul clima, soprattutto nel contesto di una possibile carenza energetica, che viene spesso presentata come una spada di Damocle?
La legge sul clima, nota come legge sullo spreco di energia elettrica, è completamente insostenibile. Richiede il dimezzamento dei combustibili fossili entro il 2031, cioè entro otto anni. Ciò significherebbe ridurre il nostro consumo attuale del 30%. La legge non dice come. Solo l'elettricità viene presentata come energia alternativa. I sistemi di riscaldamento a gas e a petrolio ancora in funzione dovranno essere eliminati e i veicoli sostituiti da quelli elettrici. L'elettricità in eccesso che sarebbe necessaria non è disponibile in Svizzera o in Europa senza combustibili fossili. Ne conseguiranno alti costi di investimento – 300 miliardi di franchi secondo uno studio – maggiori costi energetici (si prevedono 6.600 franchi all'anno per persona) e interruzioni di corrente. Verranno costruite in fretta e furia centrali a petrolio e a gas, che nessuno vuole. È quindi importante votare «no» il 18 giugno! Quest'anno, il nostro Consigliere federale Albert Rösti proporrà alternative fattibili e convenienti per l'approvvigionamento elettrico a medio e lungo termine.

Il dibattito sul clima non pesa troppo sulle PMI e sul ceto medio?
Sì, certo. Abbiamo già visto come i costi dell'energia, ma anche dei generi alimentari, degli affitti, ecc. aumentino in caso di scarsità. Questo si ripercuote sul portafoglio di tutti. Nessun altro Paese ha legiferato un'uscita così aggressiva dai combustibili fossili. L'UE ne parla soltanto, ma agisce diversamente. Questa legge porterebbe a un immediato aumento dei prezzi dell'energia in Svizzera e a una carenza di elettricità. Le nostre aziende non sarebbero più competitive a livello internazionale. Sono quindi in gioco anche i posti di lavoro e la prosperità.

inhalt_ems_chemie_920px.jpg
Il sito di EMS-Chemie a Domat-Ems (GR). Foto: EMS

Lei dice: «La Cina è all'avanguardia». In che modo i cinesi stanno facendo le cose in modo diverso o migliore rispetto agli europei?
Nessun altro Paese vende così tante auto elettriche come la Cina. Potenti aziende di elettronica sono entrate nel settore delle auto elettriche e offrono veicoli moderni e a basso costo. Entro il 2022, le esportazioni di veicoli cinesi saranno triplicate!

I veicoli BYD («Build Your Dreams») incorporano più di 100 applicazioni con materie plastiche EMS. Perché questa azienda è all'avanguardia?
Fondata nel 1995, BYD, all'epoca produttrice di batterie, è oggi il più grande produttore di auto elettriche della Cina e il secondo al mondo dopo Tesla. Solo nel 2022 le vendite sono triplicate, raggiungendo le 9.100.000 unità. Uno dei principali punti di forza di BYD è la produzione, che comprende componenti chiave propri come batterie, motori e controlli.

Quando si parla di mobilità elettrica, l'Asia è più avanti dell'Europa. L'Europa ha perso l'occasione?
I produttori europei erano leader nei motori a benzina e diesel efficienti. Poi è arrivato il «Dieselgate» della VW e il divieto dei motori fossili. Le auto elettriche sono state fortemente promosse, anche se gran parte dell'elettricità proviene da fonti fossili. Questo ha ostacolato la nostra forte industria automobilistica a favore di veicoli di cui i fornitori stranieri erano leader.

La Germania rimane uno dei mercati più importanti per lo SME. Cosa pensa dell'industria automobilistica tedesca?
Sta affrontando una forte pressione a causa dei costi energetici. Allo stesso tempo, l'aumento dei prezzi fa sì che molti acquirenti europei non abbiano i soldi per permettersi un'auto. Oggi, molti produttori e fornitori di automobili si stanno trasferendo in Cina e in Nord America.

EMS produce prodotti per le auto elettriche da dodici anni. Come è stato possibile in un periodo in cui le auto elettriche non avevano alcun ruolo?
EMS è da decenni un importante partner di sviluppo per l'industria automobilistica internazionale. Dodici anni fa abbiamo partecipato alla produzione dei primi veicoli a gas e allo sviluppo dei motori a idrogeno.

L'UE ha vietato i motori a combustione interna a partire dal 2035. È la soluzione giusta o dovremmo essere più aperti alla tecnologia?
L'UE ha deciso che a partire dal 2035 non sarà più possibile immatricolare nuove auto a benzina e diesel. Ma, su pressione della Germania, continueranno a essere ammessi i veicoli che utilizzano carburanti sintetici, i cosiddetti e-fuel. Il divieto non si applica nemmeno ai camion. Questo regolamento va quindi meno lontano della legge svizzera sul clima, che voteremo il 18 giugno e che comprende tutti i trasporti e tutte le aziende.

martullo-blocher_inhalt_920px.png
Magdalena Martullo-Blocher presenta un connettore ad alta tensione di EMS realizzato in plastica speciale. Foto: EMS

L'innovazione è una delle chiavi della competitività. Come incoraggia l'innovazione come direttore d'azienda?
Dalla sua creazione, quasi 90 anni fa, EMS ha dovuto reinventarsi quattro volte: lo spirito di innovazione è nel nostro DNA. Oggi siamo un'azienda esportatrice internazionale con sede in Svizzera e dobbiamo innovare costantemente per mantenere i posti di lavoro e sopravvivere di fronte ai costi elevati. Ci reinventiamo costantemente: il 60% dei nostri prodotti ha meno di 10 anni. Essi rappresentano il 45% del nostro fatturato. Nell'ambito dei «tech days», stiamo lavorando con i fornitori del settore automobilistico per sviluppare soluzioni innovative per la produzione di parti in plastica EMS ad alte prestazioni. Nel caso dei veicoli elettrici, l'attenzione è rivolta al raffreddamento, all'isolamento elettrico e alla riduzione del peso.

La produzione di EMS è neutra o addirittura negativa in termini di CO2. Perché la neutralità di carbonio è importante per un fornitore di automobili?
Siamo passati dal gas al vapore di biomassa quindici anni fa, con l'installazione di una centrale elettrica a biomassa. Per quanto riguarda l'elettricità, ci affidiamo all'energia idroelettrica. Di conseguenza, abbiamo già zero emissioni di CO2 in tutti i nostri siti nel mondo. I nostri clienti lo apprezzano. Da oltre 30 anni ci impegniamo per far sì che i produttori e i fornitori di automobili risparmino energia. Questo approccio, che riguarda tutti i processi produttivi, riduce i tempi, le temperature e le emissioni. Anche il peso delle parti del veicolo viene ridotto. È qui che entra in gioco il modello di business EMS: utilizzando plastiche EMS leggere, ad alte prestazioni ma ultraresistenti, i produttori non solo risparmiano sui costi e sull'energia durante la produzione, ma costruiscono anche automobili più leggere, riducendo il consumo energetico e le emissioni di CO2. Di conseguenza, le plastiche ad alte prestazioni EMS fanno risparmiare ai clienti una quantità di CO2 pari a 100.000 voli tra Zurigo e New York ogni anno!

In politica come nel mondo degli affari, si levano sempre più voci a favore delle quote rosa. Cosa ne pensa?
Sono contraria alle quote. Il compito è impegnativo, abbiamo bisogno dei migliori! In autunno mi candiderò nuovamente come consigliere nazionale nei Grigioni. In cima alla mia lista ci sono tre donne potenti, tutte imprenditrici molto conosciute. Sono ovviamente molto orgogliosa di questo!
 
torna su

 
Feld für switchen des Galerietyps
Bildergalerie

Aggiungi commento

1 + 12 =
Risolvere questo semplice problema matematico e inserire il risultato. Ad esempio per 1+3, inserire 4.

Commenti