Auto e dati: Il prossimo capitolo

Legge sui dati dell'UE

Auto e dati: Il prossimo capitolo

12 febbraio 2024 agvs-upsa.ch – I dati sono l’oro del XXI secolo. A novembre il Parlamento europeo ha approvato l’EU Data Act, che intende dare accesso a un maggior numero di dati soprattutto alle officine e ai garage. Sascha Rhyner


Chiunque guidi un’automobile genera costantemente dati. Ma chi è il proprietario dei dati e chi deve avere accesso ad essi? La legge europea sui dati fornisce una risposta. Foto: Istock

Ci siamo appena occupati della nuova legge sulla protezione dei dati. Ora arriva l’EU Data Act, la legge europea sui dati. Mentre la legge sulla protezione dei dati si occupa del trattamento dei dati personali, la legge europea sui dati copre anche tutti i dati non personali. Finora, spesso non era chiaro chi potesse fare cosa con i dati generati, ad esempio, dall’uso di automobili connesse o frigoriferi con accesso a Internet. L’obiettivo è quello di eliminare le barriere legali, economiche e tecniche all’uso dei dati. In particolare, si dovrebbe rendere possibile un accesso equo ai dati generati dall’utilizzo di prodotti in rete e regolamentarne lo scambio. E molto di questo ruota attorno alle automobili.

Le auto moderne raccolgono già una grande quantità di dati, che si tratti del profilo del conducente, del comportamento di guida, dell’ambiente o del veicolo stesso: Dal consumo di carburante o di batteria alle destinazioni del sistema di navigazione e alla memoria dei dati sugli incidenti, obbligatoria nelle auto di nuova immatricolazione dall’estate del 2022. Tuttavia, la maggior parte degli automobilisti non sa nemmeno quali dati vengono raccolti e che fine fanno, per non parlare dell’accesso ad essi. La legge sui dati dell’UE ha lo scopo di regolamentare chi nell’UE è autorizzato a utilizzare e ad avere accesso ai dati e a quali condizioni. In parole povere, le grandi aziende, dove i dati finiscono di solito, avranno meno potere, mentre i consumatori e le piccole e medie imprese avranno più controllo e influenza. Gli utenti dovrebbero essere legalmente e tecnicamente in grado di accedere ai dati che generano e di trasmetterli a terzi, ad esempio a un’officina indipendente o a una compagnia assicurativa.

Cruciale per il mercato delle e-car Se il mercato delle auto elettriche usate deve guadagnare slancio, il Data Act dell’UE giocherà un ruolo decisivo. In futuro, la batteria dell’auto elettrica determinerà il valore di un veicolo allo stesso modo del chilometraggio. Tuttavia, attualmente è quasi impossibile per i conducenti fare dichiarazioni affidabili sulle condizioni della batteria, poiché i dati non sono visualizzati sul display. Il cosiddetto stato di salute (SoH) della batteria può spesso essere determinato solo attraverso un test complesso. Quando si vende un veicolo, l’incertezza sulle condizioni della batteria è un potenziale ostacolo a una vendita di valore. La legge europea sui dati mira a rendere disponibili questi e altri dati sui veicoli in modo rapido e semplice su richiesta del proprietario.


L’accesso ai dati è importante anche per le chiavi virtuali delle auto. Foto: Allianz

I costruttori di automobili temono di essere privati dei frutti del loro sviluppo tecnico se saranno obbligati a condividere i dati con terze parti senza restrizioni. Il timore diffuso nel settore è che la conoscenza degli sviluppi tecnici e dei segreti commerciali possa essere trasmessa ai concorrenti. Gli assicuratori, invece, chiedono un fiduciario neutrale per i dati, poiché temono che le case automobilistiche vogliano rivendicare per sé il business potenzialmente redditizio dei dati. In occasione dell’11° Car Day dello scorso autunno, Allianz Versicherung ha sottolineato che gli assicuratori e altre società potrebbero utilizzare i dati dei veicoli per offrire servizi nuovi o migliori.

Di conseguenza, Allianz avanza le seguenti richieste in merito all’utilizzo dei dati dei veicoli: I proprietari dei veicoli devono ricevere piena trasparenza sui dati raccolti nel loro veicolo. Inoltre, è necessario un set di dati minimo standardizzato per consentire nuovi servizi indipendentemente dal produttore e per condividere i dati in modo rapido e semplice in tempo reale attraverso interfacce definite. Sono inoltre necessari un mercato regolamentato e un fiduciario indipendente per i dati. Sono inoltre necessari prezzi equi per il trasferimento dei dati a terzi.

La legge entrerà in vigore nel 2025, ma dovrà prima essere confermata dagli Stati membri dell’UE, il che dovrebbe essere una formalità.
Feld für switchen des Galerietyps
Bildergalerie

Aggiungi commento

1 + 4 =
Risolvere questo semplice problema matematico e inserire il risultato. Ad esempio per 1+3, inserire 4.

Commenti