Nel segno del futuro

Intervista con il capo di Iveco

Nel segno del futuro

27 ottobre 2023, agvs-upsa.ch – Da marzo Riccardo Virga guida le sorti di Iveco (Svizzera) AG in qualità di Amministratore Delegato. Con il meccanico qualificato con una formazione complementare e un master in ingegneria aziendale, parliamo di ciò che il quarantaseienne attende con impazienza al grande meeting del settore, di ciò che i proprietari di autofficine possono scoprire in quell’occasione e di ciò che il marchio italiano sta mostrando in termini di propulsioni alternative. Jürg A. Stettler


Riccardo Virga, Amministratore delegato di Iveco (Svizzera) AG Foto: Iveco

Perché tutti gli autoriparatori, a parte quelli che si occupano di veicoli commerciali, dovrebbero venire a Transport-CH, Carrosserie-CH e Aftermarket-CH a Berna dall’8 all’11 novembre 2023?
Riccardo Virga: Perché qui si ha un’anticipazione di ciò che accadrà nei prossimi 24 mesi. L’ambiente e lo sviluppo del nostro settore sono cambiati molto negli ultimi anni. Questa fiera è un fuoco d’artificio di innovazioni che hanno un impatto significativo sul processo decisionale del pubblico di riferimento.

Perché visitare lo stand Iveco?
Iveco espone sotto il segno del futuro. Quest’anno, oltre alla grande «italianità» nel cibo e nelle bevande, porteremo allo stand anche l’ingegneria svizzera di Arbon! Sarà rappresentata anche la nostra esperienza nella costruzione di veicoli e nella trazione elettrica.

Da marzo lei è amministratore delegato di Iveco in Svizzera. Come si è ambientato dopo la deviazione verso uno dei concorrenti svedesi?
Molto bene: è bello e giusto tornare in Iveco. Gli anni della pandemia hanno lasciato il segno nell’organizzazione, ma la gioia e la passione dei dipendenti per il marchio non sono diminuite. Abbiamo una grande squadra!

Come prepara Iveco Svizzera alle sfide e alle trasformazioni del mercato, ma anche del Gruppo Iveco?
Iveco ha bisogno di riposizionarsi, soprattutto nel segmento dei veicoli commerciali pesanti. Ci riusciremo con la nuova generazione e con una riorganizzazione del reparto vendite. È necessario un grande lavoro di persuasione e di fiducia affinché le innovazioni tecnologiche, che sono all’avanguardia nei settori della rete, dei consumi e del comfort attivo per i conducenti, vengano testate e accettate.


Riccardo Virga (Amministratore Delegato Iveco Svizzera), Martin Primosig (Gasverbund Mittelland AG), Stefan Rauser (Business Development Manager e Project Manager Stazione di rifornimento GNL di Iveco Svizzera), Salvino Di Verde (Product Manager Iveco Svizzera) e Vincenzo Rotolo (Operations Manager Iveco filiale di Muttenz) all'inaugurazione della prima stazione di rifornimento pubblica di GNL in Svizzera. Foto: Iveco

Attualmente state costruendo una nuova filiale a Eclépens VD. Sta andando tutto secondo i piani?
Fin dall’inizio Iveco ha goduto di un’ottima posizione nella Svizzera occidentale. È giunto il momento di adattarsi alla modernità, ai nuovi prodotti e alle loro esigenze, come l’assistenza, la manutenzione, la telematica, ecc. e di modernizzare le infrastrutture. Tutto procede secondo i piani e la filiale aprirà già nella prima metà del 2024. Eclépens diventerà una sede importante per i nostri clienti e le parti interessate nel segno della mobilità attuale. Disponiamo di strutture all’avanguardia e di opzioni di ricarica elettrica da 350 kW.

In primavera avete aperto la prima stazione di rifornimento pubblica di GNL in Svizzera, nel sito della filiale Iveco di Muttenz BL. Come sta andando l’operazione?
Incoraggiante: a causa dell’elevata domanda, ci è già stato permesso di passare a una stazione di rifornimento più grande. La grande flotta all’estero, con oltre 55’000 veicoli a gas della sola Iveco, e la nostra posizione strategica a Muttenz hanno gettato le basi per questa decisione. Attualmente stiamo osservando gli sviluppi politici in Svizzera. A seconda di ciò, decideremo se proseguire con l’espansione dell’infrastruttura GNL.

La tecnologia del GNL è una delle aree di business strategiche per il futuro, ha detto all’inaugurazione. Su quali sistemi di propulsione alternativi state ancora puntando in Iveco e perché?
La tecnologia del gas è e rimarrà un settore di business importante e strategico per Iveco. Naturalmente, anche la competenza in materia di batterie elettriche è uno dei nostri punti di forza. A questo scopo, abbiamo costruito un ampio know-how nel campo delle batterie e dei motori elettrici. La nostra ricerca sui motori FPT ad Arbon è all’avanguardia. E nel campo delle celle a combustibile, saremo presenti sulle strade svizzere già nel 2024.

Iveco era un costruttore e importatore di veicoli commerciali, ma oggi sta diventando sempre più un fornitore di servizi. Come procede questa trasformazione e quali campi di attività volete ancora conquistare?
Un fornitore di servizi deve capire le esigenze dei clienti e togliergli le preoccupazioni. Abbiamo registrato le esigenze specifiche in tal senso. I risultati sono che stiamo lavorando a due importanti progetti di mobilità flessibile, che prenderanno piede nel prossimo futuro e mirano a ridurre i costi per i nostri clienti.


Riccardo Virga, capo di Iveco, davanti al nuovo Iveco Daily a trazione elettrica. Foto: Iveco

Per un fornitore di veicoli full-range da 3,5 a 80 tonnellate, la svolta energetica prevista dai politici è una sfida enorme. Ci sono le condizioni quadro giuste o cosa dovrebbe essere cambiato per ottenere la svolta nel trasporto pesante?
Siamo ben posizionati e saremo in grado di rispondere ancora meglio alle sfide della sostenibilità nel prossimo futuro grazie a una gamma di prodotti ampliata. Non sono solo i nostri prodotti a giocare un ruolo in questo senso, ma anche l’infrastruttura di ricarica sulle strade svizzere. In questo caso, è altrettanto importante pianificare bene e implementare i requisiti. Infatti, oltre alla possibilità di ricaricare nella propria area, i nostri clienti hanno bisogno di opportunità flessibili per estendere l’autonomia o per colmare le pause pranzo.

La precedente joint venture, denominata Nikola Iveco Europe, è ora diventata Evco – Electric Vehicles Company. Quando vedremo i primi modelli sulle strade svizzere?
Un’anticipazione è già presente al nostro stand. I primi test drive con un’autonomia elettrica a batteria di oltre 500 chilometri possono essere prenotati già all’inizio del 2024. Anche la nostra versione a celle a combustibile circolerà sulle strade svizzere.

La vostra rete e soprattutto l’infrastruttura in questo Paese sono già pronte per i camion elettrici?
Per quanto riguarda i veicoli commerciali leggeri, in particolare l’eDaily, la rete di concessionari è pronta. Per la serie pesante, la formazione e la costruzione di infrastrutture di ricarica sono attualmente in pieno svolgimento.

Infine, che cosa attende con più impazienza a Transport-CH, Carrosserie-CH e Aftermarket-CH?
Non vedo l’ora di incontrare personalmente i nostri clienti, partner e colleghi del settore.
Feld für switchen des Galerietyps
Bildergalerie

Aggiungi commento

6 + 4 =
Risolvere questo semplice problema matematico e inserire il risultato. Ad esempio per 1+3, inserire 4.

Commenti