Iniziate prima delle vacanze estive!

Protezione dei dati in officina

Iniziate prima delle vacanze estive!

20 giugno 2023 agvs-upsa.ch – Molte aziende, associazioni e autorità si stanno preparando a soddisfare i requisiti della nuova legge sulla protezione dei dati a partire dal 1° settembre. Abbiamo chiesto ad alcune officine quali sono le sfide che devono affrontare. Date un'occhiata al video.

inhalt_datenschutz_920x500px.jpg
Dopo sei anni di preparazione, la nuova legge sulla protezione dei dati entrerà in vigore il 1° settembre 2023, ponendo una sfida alle officine. Foto: Shutterstock, DDPS

srh. Questo potrebbe essere il titolo di un'entusiasmante serie di Netflix: «Law and Lunch». Discutere di casi legali interessanti durante un pasto? Thomas Grundmann, responsabile dello sviluppo aziendale di Franz AG, dice che non è così eccitante. Nell'azienda, che ha sei garage e 230 dipendenti, è responsabile dell'attuazione della nuova legge sulla protezione dei dati che entrerà in vigore il 1° settembre 2023. «Questi incontri suscitano anche un certo timore e si parla addirittura di una multa di 250.000 franchi svizzeri», afferma.

Ma la paura è una cattiva consigliera, secondo Thomas Grundmann. «Io stesso ho partecipato a diversi corsi sull'argomento, come il webinar dell'UPSA, e mi sono subito reso conto che se ci sono esperti che possono aiutarci offrendoci la certezza del diritto, ci rivolgeremo a loro». Ralph Helbling, dell'officina Helbling di Rapperswil-Jona SG, è d'accordo: «Non abbiamo né la capacità né le competenze per affrontare internamente la sfida posta dalla legge sulla protezione dei dati». Inoltre, come dice Ralph Helbling: «Vogliamo fare le cose per bene, in modo da essere preparati a qualsiasi evenienza».


Ralph Helbling, Garage Helbling AG. Foto: Garage Helbling AG

Minaccia di sanzioni molto più elevate
Il nuovo Data Protection Act introduce una serie di cambiamenti. Non sorprende che la legge attuale risalga al 1992, quasi all'età della pietra digitale. «È necessario essere consapevoli di tutto ciò che è previsto dalla legge», afferma Thomas Grundmann. «Dimostra che il diritto penale è stato notevolmente inasprito». Non si tratta solo di multe potenzialmente molto elevate, che vengono scaricate sull'individuo piuttosto che sull'azienda. «Stiamo parlando di diritto penale», spiega Thomas Grundmann. «In caso di condanna, la persona interessata ha la fedina penale sporca»! Questo per quanto riguarda le possibili conseguenze legali. In termini di contenuti, questo è ciò che significa per le officine: «Dobbiamo garantire che tutti i dati siano trattati correttamente e in conformità alle normative vigenti in tutta l'azienda». Questo non vale solo per l'archiviazione digitale. Thomas Grundmann spiega: «Ad esempio, se un venditore lascia un file o un contratto di leasing aperto sulla sua scrivania, si tratta di un sospetto di reato».
 
inhalt_thomas_grundmann.jpg
Thomas Grundmann, Franz AG. Foto: Franz AG

Grazie alla collaborazione con esperti esterni, Ralph Helbling e Thomas Grundmann sono in attesa del 1° settembre 2023. «Non voglio correre il rischio di essere multato e allo stesso tempo voglio essere coinvolto il meno possibile, perché è complesso e molto costoso. Impunix ci controlla e ci certifica, il che mi rassicura», afferma Rolf Helbling. «Abbiamo deciso di avviare il processo sei mesi prima dell'entrata in vigore della direttiva, in modo da essere conformi il 1° settembre e in grado di elaborare correttamente i dati», spiega Thomas Grundmann. Entrambe le aziende stanno per completare la certificazione. Per quanto complessa possa sembrare la nuova legge sulla protezione dei dati, Thomas Grundmann confida nella forza dell'industria automobilistica: «Negli ultimi tre anni abbiamo imparato ad affrontare nuovi problemi e saremo all'altezza della sfida».
 
 
Le officine si sostengono a vicenda
Ralph Helbling è stato una delle prime officine a lavorare con Impunix. Molti dei suoi colleghi gli hanno chiesto informazioni. Per AUTOINSIDE ha raccolto le domande più frequenti e le risposte che ha dato ai suoi colleghi.

L'ho vista sul sito web di Impunix. Perché non lavora da solo?
Ritiene di aver bisogno di un aiuto esterno per attuare la legge sulla protezione dei dati?
La mia risposta: Si sente in grado di farlo da solo? Come imprenditore, non ho il tempo di occuparmi di questo aspetto. E se lo facessi da solo, lo farei nel modo sbagliato. Per questo è meglio rivolgersi a un'azienda che abbia il know-how necessario. Voglio che la mia azienda sia sicura e che vengano prese le misure necessarie. Un altro vantaggio di un'analisi esterna è che ci permette di mettere in discussione e ottimizzare i nostri processi di lavoro. Nel nostro caso, Impunix si è occupata della formazione dei dipendenti. Altrimenti avrei dovuto gestire tutto da solo, ma noi autoriparatori non siamo avvocati e abbiamo competenze diverse.

Applichiamo le istruzioni degli importatori? Non è sufficiente?
No, assolutamente no. Non basta consegnare al cliente, al momento della consegna, una lettera che l'importatore ci ha inviato sul tema della protezione dei dati. Questa lettera protegge l'importatore solo nei confronti del cliente finale. Ma dobbiamo garantire la protezione della privacy all'interno della nostra azienda. Molte persone non sanno cosa significhi. Ecco perché è un bene che l'attenzione sia ora rivolta a questa sfida. Aspettare non è il modo giusto di procedere. A un certo punto, i professionisti non saranno più disponibili. E quando riceviamo un reclamo, è già troppo tardi.

Non è molto costoso avere un avvocato?
Approfittate di questa opportunità finché c'è uno sconto. Soprattutto, è molto più economico che dover pagare una multa in seguito. Certo, si tratta di un sacco di soldi, ma credo che siano soldi ben spesi. In effetti, è un po' come per i clienti che vengono da noi e hanno già fatto dei lavori sulla loro auto. Non ci piace particolarmente, e a volte abbiamo anche più lavoro da fare. Lo stesso vale per la protezione dei dati: preferisco andare da uno specialista.

Consiglierebbe di rivolgersi a uno specialista?
Sì, assolutamente: in primo luogo, Volker Dohr e Impunix sono stati raccomandati dall'UPSA e, in secondo luogo, conoscono a fondo il settore e il tema della protezione dei dati. Mi garantiscono che non sarò multato. E potrò concentrarmi sulla gestione della mia attività.
 


La nuova legge sulla protezione dei dati in pratica

L'UPSA organizza anche un webinar sul tema della legge sulla protezione dei dati. Interverranno Cornelia Stengel, direttrice dell'Associazione svizzera di leasing e docente in diverse università, Luca Stäuble, avvocato e docente all'Università di Scienze Applicate di Zurigo, e Gaspare Loderer, avvocato nel campo della protezione dei dati. Il webinar durerà mezza giornata. Tutte le informazioni sono disponibili nella Business Academy di UPSA.
Feld für switchen des Galerietyps
Bildergalerie

Aggiungi commento

6 + 4 =
Risolvere questo semplice problema matematico e inserire il risultato. Ad esempio per 1+3, inserire 4.

Commenti