Axa Winterthur rileva il 50% di autoricardo.ch

11 gennaio 2018 upsa-agvs.ch - Axa Winterthur e il gruppo mediatico svizzero Tamedia uniscono le forze per lanciare nuove offerte per il mercato dei veicoli elvetico. Axa Winterthur partecipa per il 50% alla piattaforma autoricardo.ch, di proprietà di Tamedia.​

sco/pd. Per la maggior parte degli acquirenti, la ricerca del veicolo giusto è un iter lungo. Axa Winterthur e Tamedia vogliono però cambiare le cose. I due gruppi hanno infatti comunicato che sul mercato dei veicoli sbarcheranno presto delle nuove offerte, frutto sia della competenza in fatto di assicurazioni, mobilità e finanziamenti di Axa Winterthur, sia della reach e del know-how nel classified advertising di Tamedia.

La collaborazione nasce a nove mesi dall’ingresso di La Mobiliare in Scout24. Nel marzo 2017, la società di assicurazione aveva infatti rilevato il 50% della piazza digitale cui fa capo anche il leader del mercato svizzero Autoscout24.

«Gli assicuratori cercano nuovi sbocchi»
«Gli assicuratori di veicoli cercano nuovi sbocchi. Hanno capito che il loro attuale modello di business cambierà nei prossimi anni», dichiara Markus Aegerter, responsabile del settore UPSA Rappresentanza del ramo. Nel lungo periodo, la connettività dei veicoli produrrà diversi effetti, tra cui la diffusione di flotte di auto a guida autonoma. Ciò comporterà una notevole riduzione degli incidenti e, quindi, l’introduzione di modelli assicurativi del tutto inediti. Il settore delle assicurazioni dovrà fare i conti anche con sistemi innovativi di commercializzazione e nuove forme di possesso. Aegerter aggiunge: «Alcuni assicuratori pensano già a proporsi sul mercato come gestori di flotte, altri invece puntano a entrare nel car sharing.» Il trend è chiaro: «Gli assicuratori si stanno preparando al futuro. La loro intenzione è conquistare un posto nel mercato digitale dei veicoli.»

AXA vuole investire nel lungo periodo
Da AXA tira aria di investimenti strategici: «Insieme a Tamedia vogliamo investire a lungo termine nel settore della mobilità e battere nuove strade, ad esempio semplificando notevolmente il macchinoso processo di ricerca dei veicoli per i clienti e dando nuova linfa al mercato con offerte innovative», dichiara la portavoce Melanie Ade nei confronti di UPSA Online. Vista l’evoluzione del mercato, AXA si propone di osservare la mobilità come fenomeno complessivo e più nell’ottica degli utenti, vagliando anche servizi inediti che non si limitino alle semplici assicurazioni. «I nostri clienti si aspettano qualcosa di più della classica copertura assicurativa», aggiunge Ade.

Axa e Tamedia hanno siglato una partnership a lungo termine che abbraccerà offerte legate all’usato e ai servizi di mobilità. Quanto alle condizioni quadro finanziarie della transazione, le parti hanno deciso di mantenere il riserbo. Christoph Zimmer, portavoce di Tamedia, non ha fornito informazioni sostanziali: «È ancora troppo presto. La cooperazione è appena iniziata.» Se non altro, Zimmer ha rivelato ai media UPSA che l’alleanza mira a semplificare i processi nell’acquisto di auto nuove e occasioni: «Axa vanta competenze eccezionali nel ramo delle assicurazioni e dei finanziamenti. Il suo è un enorme potenziale da sfruttare nella creazione di nuove offerte congiunte.»

AutoScout24 non si scompone
Autoscout24 reagisce con disinvoltura alle dichiarazioni della concorrenza. «Lo abbiamo saputo dalla stampa. Per noi non cambia niente - in fin dei conti, il nostro ramo muta costantemente sulla scia delle innovazioni. Autoscout24 manterrà comunque il suo ruolo di leader di mercato e di partner neutrale del commercio nel settore della digitalizzazione», commenta Christoph Aebi, director di Autoscout24 ai microfoni di UPSA Online.

La transazione è soggetta alla condizione sospensiva dell’approvazione della Commissione della concorrenza.
 

Feld für switchen des Galerietyps
Bildergalerie